Scudo fiscale: favorisce delinquenti e mortifica onesti

di giannip 2

Il piano per lo scudo fiscale sembra proprio che stia andando a gonfie vele e i clienti ne stanno beneficiando. Secondo gli ultimi dati, le richieste per aderire sono state oltre 1.450. I dati arrivano direttamente da Giorgio Angelo Girelli, a.d. di B.Generali, nel corso della conference call di presentazione dei risultati trimestrali del gruppo. l’ad ha affermato inoltre che il numero di potenziali investitori cresce di giorno in giorno. Così, mentre la Svizzera ha interrotto i negoziati in corso con l’Italia per un accordo sulla doppia imposizione, in Italia le banche intascano il denaro finora tenuto nei “forzieri” svizzeri.

Da parte nostra l’accordo era vicino alla ratifica, ma interromperemo i negoziati fino a nuovo ordine – ha affermato Merz dopo il “raid” della Guardia di Finanza in 76 filiali di banche svizzere e di uffici bancari collegati a intermediari elvetici -. Esistono indicazioni secondo le quali il fisco italiano agisce in Svizzera: ciò non è permesso ed è deplorevole, non accetteremo di essere spiati da degli stranieri.

Di Pietro non frena di esprimere il proprio diniego a questa legge che, come ha affermato ieri al Maurizio Costanzo Show, favorisce i delinquenti e mortifica gli onesti.

Mi dispiace per le parole che ho detto al Presidente della Repubblica, in occasione della promulgazione della legge sullo scudo fiscale – continua Di Pietro -, ma vorrei che anche lui chiedesse scusa a quel cittadino che gli chiedeva di non promulagarla e che qualcuno chiedesse scusa agli italiani per una legge che danneggia gli onesti e protegge chi evade il fisco.

Qualcuno potrebbe rispondere: Certo, si fanno rientare capitali finora illegalmente tenuti in Svizzera (sicuramente c’è anche denaro derivante da attività illecite), ma non sarà positivo che questo denaro torni in Italia? Non é convinto di Pietro, il quale, sempre dal Teatro Parioli, afferma che probabilmente i capitali torneranno in Italia per essere tenuti sotto il mattone o essere reinvestiti in attività illecite (non c’è dubbio che una parte di tali capitali sia composta da denaro “sporco”).

Il presidente dell’Italia dei valori conclude:

Chi fa fatto questa legge (il Governo), l’ha fatta non per il bene dei cittadini, ma perchè lui stesso é il primo detentore illecito di capitali all’estero…

Porre l’attenzione su questo evento (ndr: le affermazioni su Napolitano), significa nascondere la vera questione: che questa legge e’ una porcata che danneggia i cittadini onesti e avvantaggia gli evasori e in particolar modo Silvio Berlusconi che ha conti all’estero e moltissime societa’ off shore.

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.