Le causali dell’F24 per i consulenti del lavoro

di Simone Commenta

Stanno aumentando a vista d’occhio i consigli provinciali dei consulenti del lavoro che hanno deciso di aderire alla recente e fondamentale convenzione di durata triennale: si tratta, nello specifico, dell’accordo stipulato tra la nostra amministrazione finanziaria e lo stesso Consiglio Nazionale dell’Ordine in questione, il quale si è posto un obiettivo piuttosto ambizioso, vale a dire quello di rendere possibile il versamento dei contributi da parte degli iscritti all’albo mediante la modalità telematica. Il vantaggio consisterebbe appunto nel velocizzare i tempi e agevolare notevolmente tutte le relative procedure.

CONSULENTI DEL LAVORO, LE PRECISAZIONI SU ROL E FERIE
La convenzione a cui si sta facendo riferimento, inoltre, reca la data dello scorso 17 marzo. Un’altra giornata importante in questo senso sarà il prossimo 3 aprile, visto che si tratta del momento iniziale in cui anche i professionisti che fanno capo alle due sedi siciliane di Caltanissetta e Siracusa avranno la possibilità di sfruttare il consueto modello F24; in questa maniera, tali soggetti saranno avvantaggiati per quel che riguarda l’accesso a un sistema di pagamento rapido, sicuro e piuttosto semplice da utilizzare. In aggiunta, non bisogna dimenticare che i crediti con il Fisco possono essere compensati in maniera adeguata proprio grazie a tali adempimenti.

CONSULENTI DEL LAVORO: IL DURC OSTACOLA LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI

Esistono, tra l’altro, due specifiche causali da sfruttare in tal caso, vale a dire CL00 e SR00, istituite dall’Agenzia delle Entrate nel corso della giornata di ieri e che richiamano, come si nota, le sigle dei due comuni. La risoluzione 26/E contiene tutti gli elementi e i dati utili e necessari per provvedere da questo punto di vista, in modo da compilare e inviare correttamente le dichiarazioni, anche se esiste la classica alternativa degli intermediari abilitati. Le causali appena menzionate dovranno essere inserite in una apposita sezione, ovvero quella denominata “Altri enti previdenziali e assicurati”, avendo cura di elencare nel dettaglio gli importi a debito versati.