Multe Roma: termini ampi per adesione al “concordato”

di giannip 1

Per aderire a Roma al “mini-condono“, definito anche “concordato”, sulle multe per infrazione al Codice della Strada emesse fino al 2004, ci sono termini sufficientemente ampi. Il Comune di Roma, infatti, ha reso noto che il termine ultimo per aderire è fissato al 15 maggio 2010, mentre Equitalia Gerit, nel frattempo, invierà tra gennaio e febbraio 2010 le relative cartelle di pagamento con gli importi delle multe ribassati grazie proprio al mini-condono che garantisce una riduzione, spesso molto ampia, degli importi originari. Per aderire al “concordato”, quindi, ci sono tempi comodi, dai due ai tre mesi, e c’è allo stesso modo tutto il tempo per poter valutare.

Nel caso in cui, infatti, il cittadino sulla multa da pagare avesse già presentato ricorso, si potrà decidere se proseguire nel giudizio oppure “chiudere” la questione aderendo al mini-condono. Chi è quindi in possesso di cartelle di pagamento da pagare per infrazioni al codice della strada, commesse fino al 31 dicembre 2004, per il momento non deve fare nulla e deve aspettare solo ed esclusivamente la comunicazione a mezzo lettera da parte della Equitalia-Gerit che recapiterà in merito al cittadino la proposta di definizione agevolata che, lo ricordiamo, azzera gli interessi e le sanzioni potendo così pagare solo l’importo originario cui vanno aggiunti solo i costi di notifica e l’aggio di riscossione.

Per verificare che la multa rientri nel mini-condono, basta leggere l’anno indicato nella cartella vicino al codice tributo, accertandosi quindi che sia il 2004 o un anno precedente. Nel caso in cui, invece, il cittadino non dovesse ricevere la comunicazione ufficiale da parte di Equitalia Gerit a mezzo lettera, allora in cittadino non dovrà versare nulla in quanto in questo caso la multa dovrà ritenersi prescritta. Il mini-condono sulle multe, lo ricordiamo, è una misura predisposta dall’attuale Governo in carica e che il Comune di Roma ha adottato sia per agevolare i cittadini, sia per smaltire l’ingente stock di multe arretrate che non sono state ancora pagate.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.