Cartelle, Equitalia proroga la rottamazione

di Sofia Martini Commenta

Il Senato della Repubblica ha dato il via libera ad una modifica  alla Legge di Stabilità che sposta il termine ultimo per la rottamazione delle cartelle Equitalia dal 28 febbraio al 31 aprile e allarga anche la platea dei contribuenti che possono ricorrere alla procedura.

Cos’è  la rottamazione delle cartelle Equitalia? La Legge di Stabilità 2013 prevede che i contribuenti che abbiano dei debiti con il Fisco possano pagare quanto dovuto all’Erario in un’unica soluzione e usufruendo di uno ‘sconto’, ovvero ricorrendo alla rottamazione delle cartelle non si pagheranno gli interessi di mora e quelli per la ritardata iscrizione a ruolo.

La fuga dall’Italia, perchè le aziende se ne vanno

Per quali debiti con il Fisco si può ricorrere alla rottamazione? Con l’emendamento di oggi il Senato fa sapere che la possibilità di rottamare anche le cartelle che il debito tributario derivi da ingiunzione fiscale. Grazie a questa estensione, quindi, le cartelle Equitalia che si possono rottamare sono quelle riferite ai tributi erariali, tributi come il bollo dell’auto e le multe per la violazione del codice della strada che siano state affidate ad Equitalia entro e non oltre il 31 ottobre 2013.

Fondo Nuovi Nati, rimane in vigore nel 2014

Il Senato della Repubblica ha approvato oggi un emendamento alla Legge di Stabilità che proroga il termine ultimo per la rottamazione delle cartelle Equitalia dal 28 febbraio al 31 aprile e allarga anche la platea dei contribuenti che possono ricorrere alla procedura.

Cos’è  la rottamazione delle cartelle Equitalia? La Legge di Stabilità 2013 prevede che i contribuenti che abbiano dei debiti con il Fisco possano pagare quanto dovuto all’Erario in un’unica soluzione e usufruendo di uno ‘sconto’, ovvero ricorrendo alla rottamazione delle cartelle non si pagheranno gli interessi di mora e quelli per la ritardata iscrizione a ruolo.

Per quali debiti con il Fisco si può ricorrere alla rottamazione? Con l’emendamento di oggi il Senato fa sapere che la possibilità di rottamare anche le cartelle che il debito tributario derivi da ingiunzione fiscale. Grazie a questa estensione, quindi, le cartelle Equitalia che si possono rottamare sono quelle riferite ai tributi erariali, tributi come il bollo dell’auto e le multe per la violazione del codice della strada che siano state affidate ad Equitalia entro e non oltre il 31 ottobre 2013.