Un unico sito web per Entrate e Territorio

di Redazione 1

Non più due siti internet separati, ma uno solo: il web ha profondamente modificato l’Inps e i suoi servizi, ora tocca anche all’Agenzia delle Entrate e all’Agenzia del Territorio (vedi anche Riforma del catasto e tempi per effettuarla). I due enti hanno perfezionato questa sorta di fusione, la quale prevede che tutti i servizi messi a disposizione online siano fruibili direttamente dal portale della nostra amministrazione finanziaria. L’intera operazione a cui si sta facendo riferimento non è altro che una conseguenza dell’integrazione tra i vari siti istituzionali che è stata richiesta dai provvedimenti di revisione di spesa (la cosiddetta spending review per la precisione).

Che cosa succederà a questo punto? Il portale unico, come è facile intuire, presenta una serie di vantaggi. Anzitutto, si potrà risparmiare molto tempo, ma anche la spesa ne risentirà in maniera benefica, senza dimenticare la velocità e speditezza maggiori per quel che riguarda la ricerca delle informazioni più importanti. Un ulteriore elemento positivo della integrazione di cui si sta parlando è l’ampliamento dei servizi online che possono essere sfruttati dalla clientela. Ogni singolo cittadino avrà ora la possibilità di navigare all’interno di uno stesso portale sia per quel che concerne l’accesso ai servizi fiscali più classici e tradizionali, come ad esempio il calcolo del bollo e l’invio delle varie dichiarazioni, sia per tutto quello che ha a che fare con il settore immobiliare (competenza dell’Agenzia del Territorio per l’appunto).

Questo vuol dire che per poter perfezionare una visura catastale, ma anche sottoporre a correzione gli errori più frequenti che sono presenti nella banca dati (gli indirizzi in primis), consultare in modo accurato la lista di tutte le particelle di terreno che sono interessate dalle modifiche di coltura e molto altro. Gli esempi, però, sono ancora più lunghi, con una serie di consultazioni online, libere e senza registrazione, che promettono di non complicare più la vita dei contribuenti.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.