Equitalia: servizi web migliorano l’efficienza

di giannip Commenta

Per gli enti, grazie ai servizi Web, le cartelle di pagamento da annullare nel 2010 sono scese dell’11%. A darne notizia è Equitalia nel sottolineare come in questo modo la riscossione sia non solo sempre più efficiente, ma anche caratterizzata da maggiori risparmi ed un maggior rispetto per l’ambiente attraverso un minor consumo di carta. Nel dettaglio, su un totale di 14 mila uffici di enti creditori, oltre 13 mila risultano essere già perfettamente allineati ai sistemi informativi di Equitalia a fronte dei servizi web che la società della riscossione fornisce tra l’altro gratuitamente. Il calo dell’11% delle cartelle di pagamento annullate è frutto proprio della trasmissione delle informazioni agli agenti della riscossione attraverso lo scambio telematico che, di riflesso, contribuisce alla riduzione degli errori. Per il futuro, di conseguenza, Equitalia stima una ulteriore miglioramento per quel che riguarda la qualità di emissione delle cartelle che, tra l’altro, in linea con i dati forniti nei giorni scorsi, risultano essere contestate in ragione di solo lo 0,1%, ovverosia nel rapporto di una su mille.

Questi miglioramenti di efficienza rientrano nell’ambito di  “Informatizzazione enti”, un progetto avviato due anni fa che ha portato al taglio dei consumi di carta, e risparmi legati al ciclo della riscossione che Equitalia stima in 850 mila euro circa. Secondo quanto dichiarato da Paolo Parente, responsabile Servizi Enti di Equitalia, i risultati ottenuti sono frutto della collaborazione degli enti, della rete territoriale e di Equitalia Servizi.

E per il 2011 il responsabile Servizi Enti ha fatto presente come i servizi web della società pubblica della riscossione saranno ulteriormente estesi in modo tale da incrementare ulteriormente i livelli di efficienza e di economicità collegati all’intero ciclo della riscossione su tutto il territorio nazionale. Proprio nei giorni scorsi tra l’altro Equitalia ha comunicato che per i “contribuenti online” lo scorso anno c’è stato un vero e proprio boom di accessi e di fruizione dei servizi a partire da quelli legati all’accesso in remoto all’estratto conto.