Il 30 aprile scade il versamento dell’imposta sulle assicurazioni

di Simone Commenta

Il mese di aprile sta scorrendo velocemente e con la sua conclusione si avvicina anche una scadenza fiscale di un certo rilievo: fra cinque giorni esatti, infatti, scadrà il termine relativo al versamento dell’imposta sui premi e sugli accessori che sono stati incassati dalle imprese del comparto assicurativo. Ovviamente, gli importi in questione devono riguardare lo scorso mese di marzo, quindi le annotazioni necessitano di precisione e riferimenti appropriati. Oltre a questi elementi, poi, le stesse aziende di cui si sta parlando hanno l’obbligo di elencare i conguagli di imposta che possono essere eventualmente sorti sui premi e gli accessori che sono stati incassati a febbraio. Come si provvede a tutto questo?

IMPOSTA ASSICURAZIONE VEICOLI FIRENZE RIDOTTA
Anzitutto, c’è un documento ben preciso da sfruttare, vale a dire il modello F24 Accise. Quest’ultimo può essere reperito presso gli istituti di credito, le agenzie delle Poste o anche i concessionari. La compilazione , come già precisato, va effettuata nel rispetto delle indicazioni che sono giunte da tempo dalla nostra amministrazione finanziaria. L’Agenzia delle Entrate ha istituito dei codici tributo da utilizzare in tal senso e da inserire proprio nel modello: sono davvero parecchi, pertanto è necessario fare ordine per comprendere tutte le loro utilità.

IL NUOVO SOFTWARE PER L’IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI

Il primo codice da tenere bene a mente è il 3356, vale a dire quello relativo all’imposta sulle assicurazioni Rc Auto, più precisamente per quel che riguarda le province del nostro paese. Si prosegue, poi, con quattro codici che sono stati predisposti per il contributo al Servizio Sanitario Nazionale: si tratta del 3357 (premi assicurazione Rc Auto), 3358 (premi per la regione Friuli Venezia Giulia), 3359 (in questo caso si fa riferimento a Trento) e 3360 (Bolzano per la precisione). Infine, il codice 3361 è stato creato per venire incontro a quelle imprese assicurative che hanno la necessità di segnalare l’aumento di aliquota del fondo di solidarietà delle vittime dell’usura.