Tredicesima: serve anche per pagare le tasse

di giannip 1

Quale uso faranno quest’anno gli italiani della tredicesima? Ebbene, anche se con percentuali diverse, numerose indagini hanno rivelato che gli italiani non sfrutteranno la gratifica natalizia solo per gli acquisti di Natale, o per mettere qualche euro da parte, ma anche e soprattutto per mettere una pezza ai debiti pregressi e per saldare spese obbligate come il bollo auto, il canone Rai, l’assicurazione della macchina e spesso anche le rate di prestiti finalizzati o quelli delle carte di credito revolving, uno strumento di debito che oramai per numerose famiglie, in particolar modo quelle in grossa difficoltà, serve anche per andare a fare la spesa tutti i giorni al supermercato.

Ebbene, al riguardo, dal “Rapporto annuale del contribuente 2009” a cura de “Lo Sportello del Contribuente“, e dell’Associazione Contribuenti.it, emerge anche che due italiani su tre, e per l’esattezza il 67% dei contribuenti italiani, utilizzeranno la tredicesima per mettere una toppa ai debiti fiscali contratti in questi ultimi anni con il Fisco.

In merito l’Associazione Contribuenti.it ricorda come le tredicesime, prossime all’erogazione, ammontino quest’anno a 35,2 miliardi di euro, con un lieve incremento rispetto ai 34,3 miliardi di euro dello scorso anno. Il monte tredicesime, inoltre, è così distribuito: 10,4 miliardi di euro di tredicesime andranno ai pensionati, 15,7 miliardi di euro ai lavoratori del settore privato, e 9,3 miliardi di euro ai lavoratori del pubblico impiego.

Di questa ingente quantità di denaro, pur tuttavia, solamente una quota parte potrà essere spesa dagli italiani per gli acquisti di natale proprio in virtù del fatto che occorre far fronte ai debiti fiscali pregressi. Come diretta conseguenza, Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani – stima rispetto allo scorso anno un calo dei consumi natalizi dell’8,3%, ragion per cui, secondo il Presidente dell’Associazione, Vittorio Carlomagno, per invertire tale scenario sarebbe bene che il Governo valutasse l’ipotesi di restituire ai contribuenti i crediti Irpef da loro vantati.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.