SI avvicina il termine per la dichiarazione imu

di Redazione Commenta

Il termine del 4 febbraio 2013 per la presentazione della dichiarazione Imu si avvicina e le categorie interessate all’adempimento sono essenzialmente due:

  • I contribuenti che alla data del 1° gennaio 2012 sono in possesso di un immobile per il quale la situazione ai fini Ici non è compatibile con la disciplina Imu;

  • Soggetti che hanno posto in essere una variazione immobiliare imu per i quali il termine dei 90 giorni scade entro il 4 febbraio 2013 (parliamo quindi di tutte le variazioni operate entro il 5 novembre 2012).

Tuttavia vi sono alcune categorie di utenti per i quali l’obbligo di presentare la dichiarazione è stato traslato. Parliamo di enti non commerciali ed imprenditori agricoli. Per quanto concerne i possessori di aree edificabili, questi sono obbligati alla presentazione della dichiarazione sia in caso di vendita che di cessione o mutamento del valore. Di conseguenza se il valore del suolo alla data del 1° gennaio 2013 è variato rispetto alla data del 1° gennaio 2012, occorrerà presentare la dichiarazione. In questi casi la dichiarazione imu deve essere presentata entro la fine di marzo 2013.

Per i fabbricati di impresa inseriti nella categoria D privi di rendita e posseduti da imprese si hanno anche regole differenti. In questi casi l’imponibile imu è pari al valore di acquisto al lordo di quote di ammortamento, rivalutato sulla base di indici ministeriali. In caso di lavori di incrementativi del valore contabile, la denuncia dovrà essere presentata entro 90 giorni dalla chiusura del periodo di imposta nel quale sono state sostenute le spese.

Occorre da ultimo, prestare attenzione anche alle delibere comunali che in particolari casi possono anche stabilire la presentazione di alcune dichiarazioni alla municipalità entro 90 giorni dall’emanazione della delibera.

In ogni caso qualora no si adempia alla scadenza del 4 febbraio, o in caso di denuncia incompleta o infedele, sarà sempre possibile presentare un ravvedimento operoso per sanare l’irregolarità.