Presentazione e scadenza Imu

di giannip 3

L’Imu è stato non solo il protagonista della campagna elettorale conclusasi poco più di un mese fa, ma anche oggetto nell’ultimo anno di numerose proroghe, rinvii e chiarimenti, fino all’approvazione del modello definitivo. Ora sono giunte altre novità riguardo i termini di presentazione e scadenza.

La dichiarazione Imu deve essere presentata da quei soggetti in possesso al 1° gennaio 2012 di un immobile per il quale la situazione dichiarativa ai fini Ici non è compatibile con la disciplina Imu e da coloro che hanno posto in essere una variazione relativa all’immobile.

Inoltre è stataabrogata la riserva tra quota statale  e quota comunale, come prevista dalla manovra Salva Italia, e quindi i contribuenti non dovranno più separare l’importo destinato allo Stato da quello di competenza dei Comuni poiché sarà sufficiente indicare l’importo complessivamente dovuto e un unico codice tributo.

La principale novità in tema Imu è giunta con il decreto che ha sbloccato i pagamenti alle imprese da parte dello Stato, e automaticamente ha previsto che la dichiarazione Imu deve essere presentata entro il 30 giugno, data unica per tutti i soggetti. Quindi è stata eliminata quella disposizione che prevedeva che i soggetti passivi fossero tenuti a presentare la dichiarazione entro 90 giorni dalla data in cui ha avuto inizio il possesso dell’immobile. E’ sempre consigliabile tenersi informati sulla pubblicazione delle aliquote che vengono pubblicate sul sito www.finanze.it.

Questa novità di legge ha come obiettivo quello di evitare “un’eccessiva frammentazione dell’obbligo dichiarativo derivante dal termine mobile dei 90 giorni e per risolvere gli insolubili problemi che, a legislazione vigente, si sono posti in ordine alla possibilità dei contribuenti di ricorrere all’istituto del ravvedimento, di cui alla lettere b), comma 1, articolo 13 decreto lgs n. 472 del 1997”. 

 

 

 

 

Commenti (3)

I commenti sono disabilitati.