Imu protagonista della campagna elettorale

di giannip 5

Si sta parlando molto in questi giorni del rimborso Imu sulla prima casa, la “proposta shock” lanciata da Silvio Berlusconi e che ha sollevato non poche polemiche. Ma anche gli altri esponenti politici si sono soffermati più volte sulla tassa sugli immobili, che è diventata la protagonista di questa campagna elettorale..

Ricordiamo che fu proprio il Governo di Silvio Berlusconi a introdurre la tassa, che è poi entrata in vigore con il governo tecnico di Mario Monti, le polemiche sull’Imu stanno infiammando questa campagna elettorale.
Ma già prima di Berlsuconi, Giulio Tremonti e l’associazione Contribuenti.it chiedevano e promettevano il rimborso dell’Imu, e i 4 miliardi di euro che lo Stato si troverebbe a dover far rientrare potrebbero provenire – secondo quanto dichiarato da Berlusconi –  dalla tassazione delle attività finanziarie degli italiani esportate in Svizzera, il cui accordo sembra prossimo alla conclusione e su cui si lavora da tempo.

Sul rimborso Imu, Mario Monti è contro Silvio Berlusconi, il quale ha dichiarato “se vogliamo è un voto di scambio ma anche un tentativo simpatico di corruzione: io ti compro il voto con dei soldi e i soldi sono dei cittadini” ma anche Pierluigi Bersani non le manda a dire e dichiara che, “la differenza tra me e Berlusconi è molto semplice: io dico mai più un condono”.

Quello che è certo, è che l’Imu è una tassa iniqua, addirittura da rivedere secondo la Commissione Europea, perchè non è stabilita considerando il reddito della famiglia e la situazione economica; questa imposta va a sbattere anche contro la nostra Costituzione, la quale parla di capacità contributiva dei cittadini per cui ognuno partecipa alla spesa pubblica in base alle proprie risorse. Cosa che non accade.

 

Commenti (5)

I commenti sono disabilitati.