Robin Hood Tax sulle energie rinnovabili: i dettagli

di giannip 1

Togliere ai ricchi per dare ai poveri. E’ questa la finalità della cosiddetta “Robin hood tax“, una tassa che in Italia va a colpire i “ricchi”, nello specifico caso i player del settore energetico, a fronte di risorse reperite, circa due miliardi di euro è il gettito atteso da parte del Governo, che poi potranno essere distribuite alla collettività. La Robin hood tax è entrata prepotentemente all’interno dell’ultimissima manovra finanziaria del Governo di centrodestra, quella da 45 miliardi di euro per intenderci. Ma ora bisognerà vedere se il provvedimento sarà oggetto di modifiche da parte del Parlamento durante la discussione e la relativa presentazione di emendamenti. In accordo con quanto dichiarato tra l’altro dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, l’orientamento del Governo sulla nuova finanziaria è infatti quello di non porre la fiducia.

La Robin hood tax contribuirà ad erodere, anche se solo in parte, i profitti delle imprese del settore energetico, che saranno chiamate a versare allo Stato una sorta di “addizionale“. Ma quel che più preoccupa è l’applicazione della Robin hood tax a carico di un settore chiave e strategico come quello delle energie rinnovabili.

Rispetto infatti alla precedente applicazione della Robin hood tax, l’orientamento del Governo è quello di far pagare l’imposta anche ai produttori di energia verde, dall’eolico al fotovoltaico e passando alle biomasse. Il che significherebbe, anche se indirettamente, andare a tagliare ulteriormente le incentivazioni alla green economy nonostante l’Italia abbia scelto di non volere il nucleare sul proprio territorio. Di riflesso, dopo la pausa del ferragosto, è molto probabile a questo punto che scatti la mobilitazione delle Associazioni che rappresentano e tutelano gli interessi ed il business delle imprese dell’eolico e del fotovoltaico che già da parecchi mesi operano in un regime di preoccupante incertezza proprio a seguito delle decisioni prese dall’attuale Governo in carica.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.