Pornotax o tassa etica: pronti i codici tributo per pagarla

di giannip 1

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che è tutto pronto per pagare la cosiddetta “tassa etica”, ovverosia quell’addizionale, sia relativa all’IRES, sia all’IRPEF, sui redditi netti a carico di due categorie di contribuenti: quelli operanti a vario titolo nel settore pornografico, e quelli che fanno leva sulla “credulità popolare” attraverso trasmissioni in TV durante le quali si viene invitati a telefonare ad un numero a pagamento. Scatta quindi la tassazione addizionale sui redditi 2008, detta anche “Pornotax“, visto che va ad inasprire la tassazione a carico di chi vende, distribuisce e produce materiale pornografico, senza escludere anche chi il materiale pornografico lo rappresenta. L’Amministrazione finanziaria ha così provveduto a mettere a punto, con la circolare numero 107/E, i codici tributo per pagare acconti e saldi per le addizionali IRPEF e IRES attraverso il modello F24.

La “Pornotax“, lo ricordiamo, è stata istituita dal Governo nell’ambito della messa a punto del Decreto anticrisi dello scorso mese di novembre che, successivamente, è stato convertito in Legge dello Stato. I codici tributo predisposti dall’Agenzia delle Entrate per i contribuenti che esercitano le attività sopra elencate diventeranno operativi per l’utilizzo a partire da mercoledì prossimo 29 aprile 2009. Con il codice tributo “4003” sarà così possibile saldare in acconto la prima rata dell’addizionale IRPEF, con il “4004” la seconda rata, e con il “4005” il saldo dell’addizionale IRPEF.

Per quanto riguarda invece l’addizionale IRES, ci sono i codici “2004” per la prima rata, il “2005” per la seconda ed il “2006” per il saldo. In sostanza, quindi, il consumo di pornografia viene tassato nel nostro Paese al pari del consumo di sigarette, alla stregua di un vero e proprio vizio per un mercato, tra l’altro, che trova ampia diffusione non più solo ed attraverso il classico supporto cartaceo contenente scene ed atti espliciti, ma anche con supporti informatici, rappresentazioni multimediali e audiovisive, nonché con i più moderni strumenti telematici.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.