Le nuove tessere sanitarie distribuite in tre regioni

di Simone 1

 Un microchip nuovo di zecca e l’accesso ai servizi internet della pubblica amministrazione: sono queste le due caratteristiche principali che contraddistinguono le nuove tessere sanitarie messe a disposizione dal sistema nazionale, una novità che è divenuta realtà concreta già in tre regioni del nostro paese, vale a dire la Sardegna, la Valle d’Aosta e il Trentino Alto Adige (Trento e Bolzano). Tra l’altro, l’invio delle tessere in sostituzione di quelle scadute potrà accadere in automatico e in prossimità della data fissata, senza che si debba procedere a una richiesta ufficiale. Il microchip è stato inserito per rendere ancora più funzionale questo strumento così utile al fisco; in effetti, viene messa a disposizione l’opportunità di fruire della Carta Nazionale dei Servizi e delle sue relative funzioni, un meccanismo che sarà garantito dalla più totale sicurezza, requisito fondamentale quando si parla di internet.


Gli uffici della nostra amministrazione finanziaria potranno poi snellire notevolmente il loro lavoro, anche perché non sarà più necessario il rilascio dei duplicati, una operazione che si è imposta fino allo scorso anno al momento esatto della scadenza delle tessere. Quest’ultima circostanza, comunque, non pregiudica la validità del documento, il quale può svolgere la funzione di certificazione del codice fiscale, un elemento molto utile quando si tratta di acquistare prodotti presso le farmacie con in conseguente rilascio dello scontrino parlante.

Le agevolazioni tributarie rimango dunque sempre le stesse, le innovazioni sono soprattutto a carattere tecnologico, ma ci sono delle casistiche da approfondire e da tenere bene a mente. In effetti, quando il contribuente è costretto a recarsi in uno stato estero e la tessera non è ancora stata ricevuta, allora per la sostituzione di quella in scadenza è d’obbligo rivolgersi all’Azienda Sanitaria, in modo da conseguire un valido sostituto, ovvero il certificato della Team (acronimo che sta a indicare la Tessera Europea Assicurazione Malattia).

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.