Modello Unico 2013: pronta la bozza ufficiale

di Alessandra Manco 1

Pronta la bozza della dichiarazione dei redditi per l’anno di imposta 2012, modello che andrà consegnato in via telematica entro il 30 settembre 2013. Vediamo quali sono le modifiche più rilevanti del suddetto modello.

Introdotto un nuovo tipo di “reddito diverso” per dichiarare l’eventuale guadagno derivante dalla differenza tra valore di mercato e corrispettivo annuo per la concessione gin godimento dei beni societari ai soci o ai familiari dell’imprenditore (ad esempio auto o appartamento). In questo caso occorrerà compilare il rigo R10 del modello Unico Pf 2013. Gli acconti Irpef del 2013 saranno sempre dovuti nella misura del 99 % del rigo differenza del quadro RN di unico, in virtù della scadenza del termine per fruire delle agevolazioni previste dal Dpcm del 21/11/2011 con la quale l’acconto irpef è stato ridotto all’82 % dell’irpef dovuta (68 % nel caso si fruisca della cedolare secca).

Introdotta inoltre apposita sezione destinata a riportare la plusvalenza della partecipazione non qualificata che viene realizzata a partire dal 1° gennaio 2012. In questo caso tale plusvalenza andrà indicata nella sezione II-B del quadro RT e l’imposta sostitutiva sarà del 20 % e non del 12,5 %.

Resta invariato il modulo RW visto che la prevista semplificazione del quadro non è stata approvata ( in principio era stato prevista l’eliminazione dei quadri I e III). Per quanto riguarda invece le ristrutturazioni edilizie viene introdotto il rigo RF50 il quale riporterà i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012. Per questi, e per quelli fatti nei primi sei mesi del 2013, spetterà una detrazione pari al 50 % e non del 36 % in virtù della recente norma che, in tema di ristrutturazioni edilizie, ha innalzato quota di detrazione (si passa dal 36 al 50 %) e tetto di spesa (da 48.000 si raddoppia a 96.000 euro).

Inoltre al rigo RP21 (contributi deducibili) dovrà essere indicata la quota al SSn versata per l’Rc auto per un importo eccedente i 40 euro.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.