Con la manovra Monti le tasse per salvare l’Italia

di giannip 4

Il nuovo esecutivo ha finalmente presentato in conferenza stampa tutte le novità contenute nella manovra anti-crisi. Il premier ha spiegato ai cronisti che questo potrebbe essere chiamato “decreto salva-Italia”, le cifre rispecchiano in toto le richieste della Commissione Europea, che nutre parecchie speranze sul nostro Paese. Meno di un mese fa, i governatori di Francia e Germania avevano sottolineato che se l’Italia avesse dichiarato default, per l’euro non ci sarebbero state più speranze. La sintesi? L’Italia é costretta a prendersi questa responsabilità e il nuovo premier, nella cosiddetta manovra “salva Italia” ha inserito una serie di provvedimenti per rimpinguare le magre casse dello Stato.

E’ sbagliato, ci sono certamente tasse e in Italia è più facile ridurre il disavanzo dal lato delle tasse che da quello della spesa – ha risposto Monti a chi ha fatto notare l’elevata mole di tasse -. Quel tanto che c’è di tasse in più ci siamo sforzati perché non gravi sui soliti noti e direi che ci siamo riusciti.Ici: gli estimi catastali saranno rivalutati del 60 per cento. La prima casa sarà tassata allo 0,4% con una detrazione di 200 euro. Dalla seconda casa l’aliquota sale a 0,75%.

Iva: sale al 23% e l’aumento avverrà nel secondo trimestre del 2012. Il gettito derivante sarà indirizzato verso interventi a favore delle famiglie e delle donne”.

Irpef: qui niente aumenti, non saranno aumentate le aliquote Irpef del 41% e del 43% nemmeno per i redditi superiori ai 75mila euro.

Patrimoniale: niente tassa di questo tipo, come si era ipotizzato:

Avremmo potuto dire – ha spiegato Monti – bene, dichiariamo che mettiamo da subito all’opera dei meccanismi conoscitivi per avere un’imposta sulle grandi fortune. Avremmo ottenuto che forse tra due anni ci sarebbe stato un po’ di gettito, ma oggi ci sarebbe stata un po’ di fuga.

Capitali scudati: pagamento di un’imposta dell’1,5% da applicare una tantum sui capitali che hanno utilizzato lo scudo fiscale.

 

 

Commenti (4)

I commenti sono disabilitati.