Mancata emissione scontrini Milano

di giannip 1

L’evasione fiscale in Italia è nel mirino del Governo; le misure di austerità prese per sostenere i conti dello Stato si devono in buona parte anche ai “furbetti” tipici Italiani, che ora cominciano a rivedere la propria posizione anche se ormai potrebbe essere troppo tardi.

Il blitz nella provincia di Milano dei giorni scorsi è solo l’ultimo messo a segno dalla Guardia di Finanza; le ricerche hanno registrato circa 150 violazioni riguardo l’emissione degli scontrini fiscali tra Milano, Corsico ed Assago su circa 500 esercizi commerciali controllati. Queste si aggiungono a quelle registrate da inizio anno per un totale di 2595 infrazioni in materia fiscale per un danno al fisco di proporzioni enormi.

Nonostante con il nuovo Governo i controlli si sono rafforzati ed intensificati, dai numeri che emergono di volta in volta dai blitz sembra che la situazione non stia cambiando come ci si potrebbe aspettare; gli Italiani preferiscono ancora una volta rischiare problemi legali piuttosto che mettersi in regola con il fisco emettendo gli scontrini in maniera regolare. Se da un lato vi sono attività che seguono questa politica per “restare in piedi”, dall’altro buona parte degli evasori non avrebbe necessità particolari e potrebbe tranquillamente adempiere a tutti gli obblighi fiscali.

Riguardo gli scontrini comunque non è mai troppo tardi per mettersi in linea, al contrario invece delle dichiarazioni degli anni scorsi; sempre in ambito di evasione fiscale emergono sempre più casi limite dove possessori di super-cars si trovano ad avere accesso ai buoni pasto per la mensa dei figli dopo aver dichiarato meno di un operaio normale. Di fronte a queste situazioni che emergono grazie a controlli sugli anni precedenti non vi è però la possibilità di “mettersi in linea”; i controlli del redditometro prendono in considerazione gli anni precedenti fino al 2010 e le incongruenze verranno comunque registrate, mentre per l’emissione di fatture e scontrini si è ancora in tempo per evitare problemi gravi.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.