Evasione fiscale: Comune di Montebello Jonico, alleanza con le Entrate

di Fil Commenta

Continuano ad aumentare nella Regione Calabria i Comuni che hanno stretto l’alleanza anti-evasione con l’Agenzia delle Entrate. L’ultima new entry in ordine di tempo, in accordo con quanto reso noto dalla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate della Calabria, è il Comune di Montebello Jonico che quindi collaborerà attivamente con il Fisco sulla base di principi che, nell’ambito della lotta all’evasione fiscale, sono quelli dell’efficienza, dell’economicità e della collaborazione a livello amministrativo; il tutto con il vantaggio non indifferente, a favore del Comune di Montebello Jonico, di poter incassare, in ottemperanza alla norme contenute nella Legge numero 22 del 29 luglio scorso, il 33% delle maggiori somme tra imposte, sanzioni ed interessi che il Fisco recupererà a titolo definitivo dall’invio delle segnalazioni qualificate inerenti situazioni potenzialmente evasive.

I settori per i quali il Fisco ed il Comune di Montebello Jonico si potranno scambiare dati ed informazioni via Web nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, sono quelli che riguardano le professioni, il commercio, le residenze fittizie all’estero, il patrimonio immobiliare, l’edilizia, l’urbanistica, ma anche situazioni di elevata capacità contributiva a fronte di redditi dichiarati al Fisco nettamente inferiori. In particolare, per quel che riguarda gli immobili, il Comune di Montebello Jonico, in accordo con quanto recita una nota emessa dalla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate della Calabria, si impegnerà, tra l’altro, ad inviare segnalazioni dirette in merito al controllo sui fabbricati locali, ma anche sulle plusvalenze derivanti dalla cessione di fabbricati ed aree edificabili.

A sua volta il Fisco metterà a disposizione del Comune di Montebello Jonico, ai fini dell’invio delle segnalazioni qualificate a partire dalle quali poi scattano gli accertamenti, le dichiarazioni di successione, i contratti di locazione degli immobili, nonché, in base alle informazioni disponibili nella banca dati dell’Anagrafe Tributaria, i contratti di somministrazione delle utenze di acqua, gas ed elettricità.