Agenzia delle Entrate e Comune di Napoli: insieme contro evasione

di giannip 1

Nell’alleanza anti-evasione siglata nei mesi scorsi tra l’Agenzia delle Entrate e l’ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani, c’è anche il Comune di Napoli. Questo dopo che l’Amministrazione partenopea ha siglato in data odierna l’apposita convenzione che permetterà anche al Comune di Napoli di incassare il 30% dalle maggiori imposte recuperate dalle azioni di contrasto all’evasione mediante le segnalazioni di situazioni potenzialmente elusive e/o evasive. Nel dettaglio, da un lato il Comune di Napoli inoltrerà i dati attraverso “Segnalazioni“, una procedura istituita ad hoc per l’invio in modalità telematica delle informazioni utili al contrasto dell’evasione fiscale, mentre dall’altro l’Agenzia delle Entrate permetterà all’Amministrazione partenopea di accedere ad un flusso di informazioni che permetteranno a livello locale di portare avanti delle azioni di lotta all’evasione attraverso la recente costituzione di una “task force“.

In prevalenza, come già sta accadendo per gli altri comuni che hanno aderito all’alleanza anti-evasione, le segnalazioni riguarderanno la rilevazione di residenze fittizie e fenomeni di evasione ed elusione fiscale nel settore del commercio, in quello immobiliare ed edilizio, e nelle libere professioni. Enrico Sangermano, Direttore dell’Agenzia delle Entrate della Regione Campania, ha accolto con soddisfazione l’adesione all’alleanza anti-evasione da parte del capoluogo campano, visto che a livello regionale e locale le azioni di contrasto all’evasione fiscale e tutte le relative attività di intelligence possono essere portate avanti in maniera più efficiente e mirata con la collaborazione attiva degli Enti locali che, essendo più vicini ai contribuenti ed al territorio, sono in grado di fornire indicazioni affidabili ed attendibili sulla capacità contributiva dei cittadini.

Nei giorni scorsi, non a caso, l’Agenzia delle Entrate, ed in particolare la Direzione regionale dell’Emilia-Romagna, ha fatto un primo bilancio dell’attività congiunta tra i Comuni e l’Amministrazione finanziaria nella lotta evasione; a sei mesi dall’avvio del “patto” anti-evasione sono già oltre mille le segnalazioni inviate dai 148 Comuni della Regione che hanno aderito alla convenzione.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.