Bonus ristrutturazioni: lavori in casa con la bella stagione

di Fil 3

 Negli ultimi giorni, un po’ in tutta Italia, è finalmente arrivato il bel tempo, ed anzi in molte città italiane sono state registrate temperature quasi estive. Con la bella stagione, in linea con la tendenza degli anni passati, anche per il 2011 è di conseguenza atteso un aumento dei “lavori di casa”, ovverosia degli interventi di ristrutturazione sugli immobili, o di riqualificazione energetica, per i quali il Fisco offre per fortuna importanti sconti ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) pari, rispettivamente, al 36% ed al 55%, unitamente ad un’imposta sul valore aggiunto (Iva) agevolata al 10%. La detrazione più gettonata è quella al 36% per le ristrutturazioni, ma anche il bonus sulla riqualificazione energetica, al 55%, può rappresentare l’occasione, magari con la stipula di un finanziamento, per fare in casa quei lavori che poi alla lunga permettono di andare a tagliare sensibilmente la bolletta.

Secondo quanto mette in risalto il portale di annunci immobiliari online Idealista.it, avendo le disponibilità finanziarie per avviare i lavori la convenienza c’è visto che per ogni 100 euro spesi, nell’arco di dieci anni, se ne recuperano ben 55 con la riqualificazione energetica, e 36, mica poco, per i lavori di ristrutturazione che, cosa non meno importante, fanno poi acquisire un maggior valore alle unità immobiliari.

Salvo proroghe, ricordiamo che, grazie all’ultima “Finanziaria“, ovverosia quella che oramai viene definita ed indicata come la “Legge di Stabilità“, il bonus al 55%, con recupero ai fini Irpef in dieci rate di pari importo per dieci anni, è stato prorogato fino al 31 dicembre del 2011 chiaramente a valere sui costi ammissibili per i lavori di riqualificazione energetica degli edifici. Rispetto al bonus 36%, valido solo per gli immobili residenziali, quello al 55% sulla riqualificazione energetica degli edifici esistenti è fruibile per qualsiasi fabbricato  intestato non solo alle persone fisiche, ma anche ad enti pubblici e privati, società di persone e società di capitali.

Commenti (3)

I commenti sono disabilitati.