Assicurazione Inail: per le casalinghe c’è tempo fino al 1° febbraio

di Redazione 1

C’è dunque tempo fino al prossimo 1° febbraio, per tutti coloro che si occupano della cura della propria famiglia e della casa, per provvedere all’assicurazione contro gli infortuni domestici: la scadenza originale era stata fissata al 31 gennaio, ma è stata prorogata di un giorno visto che si trattava di una domenica. Si tratta sostanzialmente di un obbligo che riguarda uomini e donne, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, i quali svolgono attività di casalinga o casalingo a tempo pieno (l’obbligo è previsto dalla legge 493 del 1999). Il premio assicurativo annuo ammonta a 12,91 euro, ma non può essere frazionato nei vari mesi, né sottoposto a deduzione ai fini fiscali: tra l’altro, l’Inail ha anche inviato, nel corso del mese di dicembre, una lettera agli iscritti degli anni precedenti con il bollettino fiscale già compilato con i dati dell’assicurato e l’importo che deve essere versato. Questo bollettino va ovviamente intestato all’istituto stesso da chi ha maturato i requisiti assicurativi nel 2010, avendo cura di inserire i dati personali, il codice fiscale e di pagare nel momento in cui vengono a verificarsi le condizioni di legge.

 

I requisiti in questione maturano proprio quando si rientra nella fascia di età citata in precedenza e si svolga un’attività in ambito domestico e in maniera non occasionale; inoltre, l’attività deve essere effettuata a titolo gratuito e senza alcuna subordinazione. I soggetti rientranti nel novero possono essere, solo per fare alcuni esempi, gli studenti, i titolari di pensione Inps, i lavoratori in cassa integrazione a zero ore e i lavoratori stagionali.

 

Infine, bisogna anche ricordare le importanti novità che vigono in questo senso dallo scorso anno: è infatti possibile effettuare il pagamento del premio assicurativo anche collegandosi ad internet, tramite l’utilizzo di una carta di credito, una prepagata Postepay, oppure richiedendo il bollettino online registrandosi al portale dell’Inail.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.