730 e 770 2011: i nuovi modelli sono online

di giannip 1

A partire da oggi, martedì 18 gennaio 2011, sbarcano online sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, due nuovi modelli fiscali che saranno utilizzati nel corso del 2011. Trattasi, nello specifico, del modello 730 2011 e dei Modelli 770 2011 Ordinario e Semplificato che, quindi, sbarcano ufficialmente online sia, come sempre, con le istruzioni allegate e scaricabili sempre online, sia con alcune novità. In particolare, il 730/2011, il modello che interessa ai pensionati ed ai lavoratori dipendenti, si presenta per il 2011, a valere sui redditi percepiti nell’anno 2010, con alcuni ritocchi alla grafica ma anche con un linguaggio che, assicura l’Amministrazione finanziaria dello Stato con un comunicato ufficiale, è sia più chiaro, sia più divulgativo. A tal fine l’Agenzia quest’anno nel 730 ha inserito le schede di sintesi grazie alle quali, tra l’altro, si può capire subito chi è obbligato alla presentazione del modello fiscale, e chi invece risulta essere esonerato. 

Tra le novità sostanziali presenti nel 730/2011 ci sono quelle relative alla cedolare secca sugli affitti nella Regione Abruzzo, ma anche l’apposita sezione per i rimborsi del credito maturato nel biennio 2008-2009 che, nell’ambito degli incrementi di produttività, hanno riguardato le prestazioni di lavoro straordinario e quello notturno. L’Agenzia delle Entrate, inoltre, fa presente come nel modello rimangano alcuni sconti fiscali molto apprezzati in questi anni dai contribuenti a partire dalle detrazioni sugli interventi per il risparmio energetico.

Per quel che riguarda invece i Modelli 770 2011 Ordinario e Semplificato, quelli nuovi da utilizzare quest’anno, a cura degli intermediari e degli enti pensionistici, presentano un restyling ma anche dei cambiamenti che, in accordo con quanto precisato dall’Amministrazione finanziaria dello Stato, risultano essere in linea con le ultime evoluzioni del quadro normativo. In particolare, ci sono modifiche e/o inserimento di quadri e sezioni nuove per quel che riguarda lo scudo fiscale, il pignoramento presso terzi, nonché per gli interventi legati al risparmio energetico ed alle ristrutturazioni edilizie.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.