730/2011: dichiarazione dei redditi, momento clou

di Fil 1

Per i lavoratori dipendenti e per i pensionati, ma anche per coloro che percepiscono redditi da lavoro assimilato a quello dipendente, siamo arrivati al momento clou, quello con la dichiarazione dei redditi e, quindi, con la presentazione del modello 730/2011 al Caf oppure all’intermediario abilitato. In teoria i termini dovrebbero essere già scaduti visto che di norma la scadenza ultima di presentazione del modello è quella del 31 maggio di ogni anno. Invece, grazie ad una proroga, stabilita per Decreto, c’è ancora tempo fino e non oltre la data di lunedì 20 giugno del 2011. L’invito è chiaramente quello di non ridursi all’ultimo giorno altrimenti si rischiano lunghe ed estenuanti file presso i Caf ma anche presso gli studi professionali dei dottori commercialisti e dei consulenti del lavoro. Unitamente al modello 730 2011 il contribuente è chiamato anche a fare la scelta per devolvere il proprio cinque per mille ed otto per mille dell’Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche.

Ricordiamo al riguardo come l’espressione della scelta non comporti maggiori tasse da pagare, ma su quelle dovute all’Erario con la scelta si obbliga lo Stato a destinare quella piccola quota di tasse a scopi religiosi o umanitari, ma anche allo Stato stesso se così espressamente indicato nella scheda.

Per decidere a chi destinare il cinque per mille 2011 l’Agenzia delle Entrate, sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it, ha predisposto online gli elenchi dei beneficiari; trattasi, tra gli altri, di associazioni sportive dilettantistiche, associazioni operanti nel cosiddetto terzo settore, ma anche enti della ricerca scientifica. Per esprimere la scelta è necessario indicare il codice fiscale con la sola eccezione della destinazione del cinque per mille ai Comuni. In tal caso, infatti, il cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) viene destinato al Comune di residenza del contribuente che poi utilizzerà le risorse per scopi e finalità a sfondo sociale.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.