Scdenze fiscali per i titolari di partita Iva

di giannip Commenta

 

Sempre più alto il numero di scadenze per i titolari di partita Iva, i quali a partire da febbraio dovranno far fronte a ben 16 pagamenti. Le piccole e medie imprese saranno quindi tartassate dal Governo e questo causa senza dubbio l’allontanamento di potenziali investitori stranieri. La Cgia di Mestre ha reso noto che “se si tiene conto del peso economico della burocrazia, pari a circa 26,5 miliardi di euro all’anno, del costo che devono sostenere le imprese per pagare le tasse, quasi 3 miliardi di euro all’anno, e del carico fiscale che sfiora ormai il 69% circa dell’utile aziendale per chi vuole fare impresa il 2013 si presenta denso di ostacoli», e secondo Federconsumatori nel 2013 i rincari saranno per oltre 1400 euro a famiglia. 

Ma quali sono queste scadenze fiscali? Ecco l’elenco:

1)Comunicazione nel Mod 730 del sostituto di imposta e della disponibilità  a prestare facoltativamente  l’assistenza fiscale ai propri sostituiti.

2) Versamento ritenute Irpef dei dipendenti e collaboratori.

3) Versamento contributi previdenziali e assistenziali dei dipendenti e collaboratori.

4) Versamento liquidazione Iva relativa al mese precedente.

5) Istanza di Rimborso o di compensazione Iva infrannuale 4° Trimestre.

6) Versamento imposta sulla pubblicità.

7) Versamento diritto sulle pubbliche affissioni.

8) Versamento Tosap.

9) Canone RAI.

10) Elenchi Intrastat contribuenti tenuti alla presentazione mensile o trimestrale.

11) Comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nelle Dichiarazioni di Intento relative agli acquisti o prestazioni confluiti nella liquidazione Iva.

12) Trasmissione telematica all’Anagrafe tributaria, da parte dei fabbricanti di misuratori fiscali e dei laboratori di verificazione periodica abilitati, dei dati identificativi delle operazioni di verificazione periodica relativi al IV trimestre dell’anno precedente.

13) Presentazione all’Inps del modello Uniemens.

14) Comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni Iva con operatori economici con sede in Paesi a fiscalità agevolata; invio mensile relativo al mese o trimestre precedente.

15) Tassa automobilistica per veicoli con scadenza periodo di validità nel mese di dicembre.