Le agevolazioni regionali irap

di Alessandra Manco 1

 Parliamo di Irap una delle tasse maggiormente contestate da parte dei contribuenti italiani. In attesa di conoscere se l’imposta regionale sulle attività produttive verrà rimodulata dal nuovo esecutivo, o anche soppressa, si moltiplicano gli interventi a livello regionale per tentare di ridurre o eliminare l’irap.

Ad esempio la provincia autonoma di Bolzano al fine di concedere sgravi in materia irap ai soggetti meritevoli ha varato un provvedimento che prevede l’azzeramento dell’irap per i primi 5 anni per le attività che scelgono la provincia autonoma come sede principale. Sempre in un ’altra realtà del nord, la valle d’Aosta si sono introdotte alcune norme volte a ridurre dello 0,92 % l’aliquota ordinaria applicata in tema di Irap (pari allo 3,92 %). Inoltre per il 2013 alcune leggi regionali hanno ridotto al 2,98 % l’aliquota irap da applicare per alcune tipologie di nuove aziende. In particolare si premieranno le società che assumono lavoratori a tempo indeterminato per i primi tre anni e le nuove imprese che a partire dal 1° gennaio 2013 inizieranno la loro attività in regione.

La Toscana decide invece di premiare le imprese che si dotano di particolari certificazioni. IN particolari le aziende che ottengono una certificazione Emas potranno godere dell’aliquota irap agevolata pari al 3,21 %, mentre chi ottiene la certificazione ambientale denominata Iso 14001 ridurrà l’irap all’aliquota del 3,53 % e chi invece ha una SA8000 potrà beneficiare di un’aliquota del 3,44 %. In Piemonte si punta invece sulle nuove assunzioni visto che una legge regionale stabilisce una deduzione di 15 mila euro per le imprese che assumono lavoratori a tempo indeterminato. Tale tipo di agevolazione sarà raddoppiata sino al valore di 30 mila euro se l’assunzione è inerente un lavoratore sotto i 35 anni o un over 50.

A Trento si favoriscono le nuove iniziative che hanno sede nella provincia prevedendo uno sgravio di 3 punti percentuali (portando quindi l’aliquota allo 0,9 %) per 5 anni tentando di portare nel territorio il maggior numero di start up.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.