La dichiarazione pre compilata conquista nuovi sostenitori

di Alessandra Manco 1

 La dichiarazione dei redditi  precompilata conquista la maggior parte dei paesi, e di fatto si allarga la platea di contribuenti che ne fanno uso. Il sistema dell’unico precompilato ha avuto il suo esordio in Danimarca per poi estendersi in altri paesi come Australia e Scandinavia sino ad il resto dell’europa continentale. In Olanda ad esempio le dichiarazioni mod. unico precompilate hanno sfondato quota 2 milioni per un percentuale di circa il 35 % di contribuenti che utilizzano tale tipo di dichiarazione.
Sebbene i differenti regimi fiscali che vigono nei diversi paesi non aiutano ad affrontare in maniera uniforme il problema, l’Ocse rileva che la dichiarazione precompilata ha allargato il suo raggio di azione soprattutto grazie a internet ed alle nuove tecnologie.

 

I vantaggi del passaggio al nuovo sistema sono differenti da paese a paese e uno studio condotto dalla Svezia nell’anno 1995 ha dimostrato che il passaggio al nuovo sistema ha abbattuto i costi di circa il 20 % per quanto riguarda la compilazione dei redditi delle persone fisiche. Stesso discorso negli Stati Uniti dove il passaggio dal metodo tradizionale all’ e-tax ha comportato risparmi per quasi 2 miliardi di euro.
Anche in Australia si sono eliminati i costi necessari per l’assistenza di circa il 74 % dei contribuenti (1,2 milioni di euro). Stesso discorso per la Danimarca dove il passaggio all’e – tax ha consentito, a partire dal 2004, di risparmiare una cifra analoga visto che il 67,5 % dei contribuenti ha iniziato a ricevere una dichiarazione pre compilata. Secondo l’Ocse l’estensione della dichiarazione pre compilata a tutti gli stati membri potrebbe garantire un risparmio di imposta di circa 200 milioni di euro.
Fuori dall’Europa il record delle dichiarazioni pre compilate va a Singapore dove circa il 97 % dei contribuenti compilata una dichiarazione pre compilata elettronicamente. A questo lo Stato asiatico ha anche aggiunto un nuovo servizio che consente al contribuente di essere informato tramite sms se è tenuto o meno alla compilazione della dichiarazione dei redditi.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.