Equitalia: cartelle pagamento contestate, solo una su mille

di giannip 1

Su un totale di ben 18 milioni di cartelle di pagamento inviate ogni anno da Equitalia, nel 2010 solamente 19 mila sono state quelle contestate; il rapporto, quindi, è di una cartella contestata su mille, ovverosia, come messo in risalto proprio da Equitalia, un dato prossimo allo zero. La società di riscossione ha fatto il punto sul 2010, un anno caratterizzato sia dalla semplificazione, sia dal fair play. Al riguardo una delle grosse novità, importanti, del 2010, è stata quella relativa alla possibilità per i cittadini di poter presentare richiesta di sospensione delle procedure di riscossione con una semplice auto-dichiarazione e, quindi, senza dover andare a fare la spola tra un ufficio e l’altro. Il 2010 è stato anche caratterizzato per Equitalia dall’apertura di nuovi sportelli e dai servizi di assistenza continua ai contribuenti anche con l’avvio della sperimentazione dell’orario pomeridiano. A livello territoriale, inoltre, tanti sono stati sinora gli accordi tra Equitalia, i professionisti e le associazioni di imprese per l’attivazione di canali dedicati per l’assistenza.

Per quel che riguarda le cartelle contestate, pari in percentuale a solo lo 0,1%, Equitalia ha tra l’altro posto l’accento sul fatto che le contestazioni avanzate dai contribuenti risultano essere quasi sempre frutto di comunicazioni omesse o tardive, da parte degli enti creditori, agli agenti della riscossione. Non a caso ben il 50% delle cartelle contestate è rappresentato da multe per infrazioni al Codice della Strada ed a problematiche inerenti lo scambio di dati e di informazioni tra gli Enti locali e le Prefetture.

Nel 2010 Equitalia ha complessivamente aperto 32 nuovi sportelli, dei quali 15 rappresentati da trasferimenti di sede, e 17 uffici aggiuntivi. I nuovi sportelli, in particolare, sono caratterizzati dall’utilizzo di attrezzature moderne, più casse ed un maggior numero di punti d’accoglienza; il tutto con l’obiettivo di ridurre i tempi di attesa a favore di chi è impegnato con il lavoro di mattina.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.