Il costo della benzina comprende 74 centesimi di tasse

di giannip 4

Ebbene sì, chi non ne era al corrente (e non sono pochi) farà sicuramente un balzo: Adiconsum ha richiamato l’attenzione del governo sulla questione relativa alle accise che gravano sui carburanti e che sono arrivate a livelli decisamente alti. Chi non si lamenta del costo della benzina? Quante volte ci siamo accorti che con 20 euro di carburante riusciamo a fare sempre meno chilometri? E purtroppo sembra che il problema non sia realmente il costo del petrolio, come in molti pensano.

Negli States la benzina costa circa 70 centesimi di dollari (meno di 50 centesimi di euro) e gli americani se ne lamentano anche ritenendo il prezzo decisamente esagerato… L’aumento dei prezzi dei carburanti non dipende solo dall’aumento delle accise ma anche dai tassi di cambio, questo é vero, ma purtroppo il vero problema in Italia é rappresentato, come sempre, dalle tasse e lo sottolineano anche le associazioni dei consumatori.

Adiconsum – sottolinea Pietro Giordano, Segretario Generale dell’associazione – giudica grave la mancata convocazione delle Associazioni Consumatori all’incontro indetto con le compagnie petrolifere e l’Unione petrolifera per ieri mercoledì 20 luglio. Non ce ne spieghiamo il motivo anche perché l’ordine del giorno che ha l’obiettivo fare il punto sui recenti rincari dei prezzi dei carburanti è tematica che coinvolge direttamente i consumatori. Eppure diminuire il prezzo alla pompa è semplice: basta tagliare le accise, in particolare quelle obsolete come chiederemo nella manifestazione del 25 luglio. Altro elemento che può portare ad una diminuzione dei prezzi è una corretta liberalizzazione del mercato petrolifero, così come chiesto nel ddl di iniziativa popolare della Campagna “Libera la benzina” di Fegica Cisl, Faib Confesercenti, cui Adiconsum ha aderito, e già in discussione al Senato. 500.000 sono state le firme raccolte dalla petizione “Libera la benzina” a sostegno del suddetto ddl, provenienti da tutti gli schiarimenti politici e imprenditoriali, nonché da semplici cittadini, automobilisti e non.

Commenti (4)

I commenti sono disabilitati.