Tassa sui capitali scudati, la proposta del PD

di giannip 6

Il Partito democratico ha proposto al governo di introdurre nella manovra economica una disposizione che tocchi i capitali scudati. Di cosa si tratta? Dovremmo tornare un po’ indietro nel tempo e parlare di scudo fiscale. Si tratta di una tipologia di regolarizzazione in materia tributaria e penale simile ad un condono perché inibisce l’azione penale e di accertamento tributario. La condizione perchè questo “condono” fosse realizzato era il rientro dei capitali in Italia. Ha sanato solo pochi mesi fa alcuni comportamenti irregolari effettuati dai contribuente riguardo alla produzione e detenzione di capitali detenuti all’estero derivanti da redditi non denunciati e presumibilmente imponibili.

Per farla breve, il famigerato scudo fiscale ha consentito ad anonimi possessori di capitali illeciti depositati all’estero di sanare il loro reato fiscale, in cambio di una modesta sanzione (i capitali rientrati in Italia sono stati tassati del 5%). Una parte effettivamente è rientrata nei confini nazionali (40 miliardi) ed un’altra (60) probabilmente non si é “fidata” o comunque ha preferito mantenere i capitali all’estero, irregolarmente. La legge tremontiana prevedeva l’anonimato delle posizioni e l’improcedibilità futura dal punto di vista delle verifiche fiscali. Se però la proposta del PD venisse accolta, sarebbe come un rimangiarsi la parola data.

SI parla di un prelievo straordinario del 5-10% (sempre pochi rispetto alle percentuali di sanzioni che non sono state applicate, ma potrebbe essere visto comunque come un passo poco corretto). Il gettito darebbe come risultato 5-10 miliardi sul totale dei capitali scudati, una cifra assolutamente rilevante. Fonti del ministero di via XX settembre hanno ammesso la prospettiva, sottolineando che la tassazione potrebbe però essere inferiore, per esempio intorno al 2%, nulla di certo comunque. Nel 2009, il ministro si oppose a chi vedeva in quel provvedimento un favore verso gli evasori. D’altro canto la parte opposta, quella degli evasori, ha sempre sottolineato l’eccessivo livello di tassazione in Italia e il conseguente “istinto naturale” (come qualcuno ha sottolineato) a evadere.

Commenti (6)

  1. Mi raccomando, votateli: sono i paladini della certezza del diritto! E mi raccomando, se avete capitali fuori d’Italia fateli tornare in patria!

I commenti sono disabilitati.