Stati Uniti: coppie sposate alle prese con la tassa immobiliare

di Simone 1

Quasi un anno fa ormai, precisamente a dicembre del 2010, il Congresso americano aveva premuto per alcuni cambiamenti legislativi che venissero incontro alle esigenze dei contribuenti: una di quelle misure riguardava da vicino la nuova portabilità, strumento con il quale le coppie possono condividere l’esclusione dalla tassa immobiliare federale. In pratica, ogni singola persona può beneficiare di questa esclusione tributaria per gli scopi espressamente previsti (nel 2011 l’importo complessivo è stato pari a cinque milioni di dollari). In pratica, la novità potrebbe consentire di modificare i termini dell’intestazione immobiliare e di creare una sorta di trust fiduciari che siano capaci di preservare l’esenzione. La nuova portabilità prevede appunto che i possedimenti immobiliari dei contribuenti coniugati possano essere investiti dall’agevolazione in questione, la quale, secondo alcuni osservatori, potrebbe anche essere allargata ad altre imposte federali.

Comunque, il meccanismo a cui ci stiamo riferendo non è affatto automatico, anche perché bisogna rispettare burocrazie e tempistiche di diversi mesi prima di poterne parlare in maniera concreta. Ovviamente, ci si dovrà rivolgere all’Internal Revenue Service (Irs), l’amministrazione finanziaria a stelle e strisce, per ottenere qualsiasi tipo di chiarimento a tal proposito. Il primo passo da effettuare sarà quello di eleggere il domicilio fiscale, ma nel caso in cui non si provvederà ad archiviare la rendita, l’elezione non sarà ritenuta valida da questo punto di vista.

Quello che stupisce, soprattutto negli Stati Uniti, è che una procedura simile rischia di creare comunque molta confusione tra i contribuenti, nonostante sia ormai un anno che si tenti di delineare una conformazione precisa. Per questo motivo, l’Irs ha deciso di pianificare nel minimo dettaglio dei nuovi regolamenti che siano in grado di spiegare alle coppie sposate americane l’iter esatto che deve essere seguito in questo caso; tra l’altro, qualche aggiornamento in tal senso dovrebbe essere inserito nel sito dell’agenzia a partire dai prossimi mesi autunnali.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.