Saldo Imu: le decisioni dei Comuni in merito

di Redazione Commenta

L’appuntamento con il saldo Imu si avvicina sempre più ed i dubbi dei contribuenti in materia si complicano sempre più. Occorre anche considerare che la seconda rata sarà possibile pagarla anche attraverso bollettino postale e non solo tramite F24, una opzione che potrà essere gradita soprattutto a quanti hanno difficoltà di compilazione del mod. F24.

 
Tuttavia il calcolo di quanto dovuto non si presenta fra i più agevoli, in virtù del fatto che quanto verserà dipenderà dall’aliquota deliberata dal Comune ove è ubicato l’immobile. Se si considera che il saldo medio da versare supera di circa il 50 % quanto versato con la prima rata ( se a giugno si è versato 100, in media a Dicembre si verserà 150) la situazione si complica ulteriormente. Anche perché alcuni Comuni hanno previsto anche bonus e agevolazioni per alcune categorie di possessori di immobili.
Alla fine comunque lo Stato dovrebbe incamerare circa 23 miliardi di euro, due in più rispetto a quanto previsto. E’ bene infatti ricordare che la metà del gettito inerente le seconde case va direttamente all’erario e non al comune ove sorge l’immobile.
Singolare anche il fatto che molte municipalità, sopratutto al sud, hanno previsto delle riduzioni di aliquota rispetto a quanto stabilito con decreto dal Governo. In Sardegna ad esempio, per l’aliquota inerente le seconde case si è scesi sotto il 7,66 per mille ed alcuni Comuni hanno addirittura azzerato l’imposta. A Bari, per chi ha solo una casa e dichiara meno di 50 mila euro all’anno, è stata prevista una ulteriore detrazione di 150 euro rispetto ai 200 euro già previsti con decreto statale. A Cagliari invece l’aliquota della prima abitazione qualora il proprietario sia un anziano o disabile residente in casa di riposo.
Previste numerose agevolazioni anche in città del Nord. Monza ha previsto una ulteriore detrazione di 100 euro per i possessori di prima casa, Milano ha abbassato le aliquote per le case popolari e ultrapopolari e anche Rimini e Venezia hanno preso iniziative simili.