Le novità fiscali ungheresi del 2013

di Redazione 1

Ci sono tante novità fiscali che l’Ungheria si appresta a conoscere nel nuovo anno: è stato infatti presentato un apposito disegno di legge che illustra nel dettaglio tali misure, in modo da rendere il sistema fiscale più snello ed efficace, sostenendo allo stesso tempo le famiglie. Di che tipo di proposte si tratta nello specifico? Sarà il Parlamento magiaro a decidere se adottarle o meno e i campi interessanti sono tra i più diversi. Il perno fondamentale del testo normativo è costituito dall’imposta sui redditi individuali, su quella relativa ai redditi d’impresa e quella sul valore aggiunto (Iva).

Anzitutto, si possono ricordare alcune misure tributarie del passato recente a Budapest e dintorni. Ad esempio, sette mesi fa l’Ungheria ha introdotto la tassa sulle telefonate. Bisogna invece risalire all’estate del 2011 per scovare una nuova tassa per contrastare l’obesità. Tornando ai giorni nostri, bisogna rilevare senza dubbio il sistema di tassazione piatta introdotto per l’imposta sui redditi individuali. Questo vuol dire che vi sarà un’aliquota fissa e pari al 16%. L’applicazione attuale vale nell’ipotesi di redditi che superano i 2,424 milioni di fiorini, con un’aliquota più alta, vale a dire quella fissata al 20,32%. Il calcolo diventerà sicuramente più agevole in relazione al sistema di pagamento collegato al guadagno effettivo.

Ulteriori cambiamenti si riferiscono all’imposta sui redditi delle imprese; in effetti, l’Ungheria avrà una definizione dei beni immateriali presunti in grado di coprire quelli autoprodotti. Se poi una nazione estera applica diverse aliquote fiscali, allora la più bassa deve essere pari al 10%. Le entrate tributarie che non potranno più essere realizzate saranno compensate grazie a un’apposita tassa sulle transazioni per i prelievi di denaro contante (l’aliquota sarà compresa tra lo 0,1 e lo 0,3%). Infine, non si può dimenticare l’aumento delle imposte sulle eredità e sulle donazioni (fino al 18%), a meno che non si tratti di una acquisizione di proprietà del settore immobiliare.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.