Il rapporto 2012 della guardia di finanza

di Redazione Commenta

La crisi economica sembra acuire il problema dell’evasione fiscale, questo in sintesi il pensiero che si desume dai dati forniti dalle fiamme gialle in materia di contrasto all’evasione per l’anno 2012. La Guardia di Finanza ha fornito i dati per l’anno 2012 in materia di contrasto all’evasione: individuati circa 2,4 miliardi di euro di imponibile nascosto, circa 300 milioni di euro di iva non versata ed 1 miliardo di euro di evasione Irap.
Questi i dati diramati dalle fiamme gialle che in materia di contrasto all’evasione attendono anche il varo dei nuovi provvedimenti annunciati dall’agenzia delle entrate. In particolare dovrebbero fare la loro comparsa i nuovi controlli che si avvarranno dei dati inerenti le transazioni finanziarie. Entro fine ottobre viene infatti previsto che gli intermediari forniscano all’anagrafe tributaria le informazioni inerenti i rapporti bancari e che attraverso questi l’amministrazione finanziaria elabori le liste dei potenziali evasori. Altro strumento atteso è anche il nuovo redditometro che stimerà il reddito presunto dei cittadini in base al tenore di vita.
In attesa dei nuovi strumenti di controllo la Guardia di Finanza intensifica le azioni anti evasione concentrandosi soprattutto su alcuni settori ritenuti più a rischio evasione. Infatti nel 2012 l’attività delle fiamme gialle è stata molto più intensa nei settori delle intermediazioni immobiliari, dei compro oro, per le esportazioni di valuta e per chi falsifica i dati Isee (nuovo calcolo Isee 2013).
348 il numero degli interventi fatti dalla guardia di Finanza per quanto concerne i Compro oro. Dai controlli sono emerse evasioni di imposta per circa 200 milioni di euro per quanto riguarda le imposte dirette, 90 milioni di euro di evasione Iva e 53 soggetti denunciati. La campagna “black house” ha invece permesso di individuare 700 società di intermediazione immobiliare che hanno occultato al fisco circa 600 milioni di euro di imponibile e 60 milioni di Iva. 900 milioni di euro di imponibile evasi sono stati individuati dalle fiamme gialle nell’ambito invece di controlli inerenti l’elusione e l’evasione internazionale.