Il Piano casa interessa affitti e cedolare secca

di Sofia Martini Commenta

La nuova agevolazione ha il nome Plafond Casa e prevede l’erogazione di mutui agevolati per l’acquisto di casa e di mutui agevolati per ristrutturazione per risparmio energetico, che rientrano nel quadro del Piano Casa che coinvolge anche l’ABI e la Cassa Depositi e Prestiti.

Circa venti le banche aderenti al Piano che erogheranno mutui casa a tassi agevolati. Il totale dei fondi è di 2 miliardi di euro, circa 150 milioni per ogni banca aderente. Le banche che vi hanno aderito sono Unicredit, IntesaSanpaolo, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Carige, Bnl Bnp Paribas, Banco di Credito Popolare, Cariparma Credit Agricole, Banco Popolare, Credito Valtellinese, Ubibanca, Iccrea Banca, Extrabanca, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare di Vicenza, Banco di Credito P. Azzoaglio, Binter Banca Interregionale, e la Cassa di Risparmio di Ravenna.

Bonus casa prorogati

Il Piano Casa 2014 prevede inoltre norme su affitti e cedolare secca che dovrebbero a breve entrare in vigore riguardando aumenti sulle detrazioni degli affitti e riscatto degli alloggi sociali, con tagli sulla cedolare secca. Con il precedente governo l’aliquota è passata dal 19% al 15% per i contratti a canone di locazione agevolato, oggi arriva al 10% l’aliquota per gli affitti a canone concordato per il triennio 2015-2018.

Iva al 21% per i mobili e gli arredi della prima casa

Per gli affitti, previsto anche un rifinanziamento del fondo per la cosiddetta morosità incolpevole, cioè per chi si trova in difficoltà al pagamento dell’affitto per perdita del lavoro, e per quanto riguarda le detrazioni è previsto l’aumento delle detrazioni Irpef per i conduttori di alloggi sociali.