I consumi ai livelli di 17 anni fa

di Redazione Commenta

Dai report diffusi in merito all’andamento di alcuni indici del 2012 non sembra prospettarsi nulla di buono. Per quanto riguarda i consumi il rapporto “coop consumi e distribuzione” traccia un quadro a tinte molto fosche, visto che i sei anni di crisi potrebbero portare i consumi ai livelli di 17 anni fa.

 

Infatti i consumi, al netto dell’inflazione, sono calati di circa 4 punti percentuali rispetto ad un anno fa. Colpa della disoccupazione in aumento e dell’inflazione dilagante, che porterà ad un’altra stretta dei consumi, sempre secondo i report coop, di circa l’1,3 per cento.

Significativo il calo che si è avuto in alcuni settori di spesa. L’alimentare ad esempio è ritornato ai livelli degli anni 60,mentre le vendite di automobili hanno raggiunto il livello che si aveva nel 1974. In forte calo anche ristorazione, viaggi e abbigliamento.

 

Il rapporto sottolinea come l’impatto delle minori vendite sembra aver inciso per circa il 2,2 per cento del Pil, anche se le famiglie, in termini di reddito, pagano un calo più significativo.

 

In particolar modo le vendite sono notevolmente diminuite nei piccoli esercizi commerciali e negli ipermercati, mentre i discount fanno registrare un ottimo più 4,4 per cento. A far leggermente sorridere i commercianti c’è stato il mese di dicembre, il cui livello di vendite è stato superiore rispetto allo stesso mese 2011.

 

Sebbene le prime due settimane di dicembre 2012 abbiano fatto registrare un calo del 5 %, complice anche il pagamento del saldo imu, successivamente si è avuta un impennata in concomitanza della settimana di Natale e Capodanno ( i discount hanno segnalato un incremento delle vendite del 9 %, mentre gli ipermercati hanno aumentato le venite di 8 punti percentuali).

 

Significativo il commento del centro studi Ancc – Coop ( associazione nazionale delle cooperative che redige l’annuale report) che dice che i consumi sono diminuiti di quattro volte rispetto a quanto è stata tagliata la spesa pubblica, segno quindi che i vari tagli sono stai fatti alle famiglie.