Fisco e redditi: undici milioni di italiani vivono con 500 euro al mese

di giannip 2

In Italia, così come in tutto il mondo, negli ultimi diciotto mesi la crisi finanziaria, con un impatto devastante sull’economia reale, ha fatto aumentare le persone che vivono in condizioni di povertà relativa. Gli ultimi dati dell’Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica, mettono in evidenza come siano in Italia circa 7,5 milioni le persone che vivono in condizioni di povertà relativa, e quasi un milione di famiglie in condizioni di povertà assoluta. Eppure, in base ad una stima effettuata da Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani, nel nostro Paese sono ben 11 milioni gli italiani che, in base alla dichiarazione dei redditi, guadagnano, secondo quanto comunicato al fisco, meno di 500 euro al mese, ovverosia seimila euro all’anno. A conti fatti, quindi, le cose non quadrano, e non a caso l’Associazione già nei giorni scorsi ha denunciato come ci siano falsi poveri che agli occhi del fisco sono nullatenenti e poi invece hanno intestati macchine di lusso e barche a vela.

E nelle ultime ore, l’offensiva di Contribuenti.it contro l’evasione fiscale si è spostata sul mercato degli affitti, rilevando come in una località rinomata come Porto Cervo quasi un contratto di locazione su due sia intestato a poveri possidenti che, tra l’altro, molto spesso hanno diritto ad accedere ai benefici della social card! Per questo secondo l’Associazione la macchina della riscossione dei tributi e degli accertamenti fiscali a conti fatti non funziona, e penalizza i contribuenti che, invece, le tasse le pagano onestamente fino all’ultimo euro.

Il fenomeno dell’evasione fiscale è purtroppo diffuso a macchia d’olio nel nostro Paese, e non c’è giorno in cui la Guardia di Finanza non scovi dei “tesoretti” non dichiarati. Ad esempio, nelle ultime ore a Genova la Guardia di Finanza ha scoperto un titolare d’impresa che ha evaso un milione di euro di ricavi al Fisco; la GDF ha ricostruito il montante evaso andando a scandagliare i dati dei personal computer dell’impresa. Ma è solo una goccia nel mare di un fenomeno come quello dell’evasione fiscale stimato in ben 300 miliardi di euro all’anno.

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.