Cedolare secca 2015, la scadenza si avvicina

di Sofia Martini Commenta

Come versare l'acconto.

E’ sempre più vicina la scadenza per versare l’acconto e il saldo relativi alla cedolare secca. Quali sono le date da segnare sul calendario se si affitta un’abitazione aderendo a questa imposta sostitutiva sui contratti di locazione?

In primo luogo va sottolineato che l’ammontare dell’acconto è stato fissato al 40% del 95% dell’intera imposta dovuta per il 2014 mentre il saldo viene versato in coincidenza con la data di scadenza della dichiarazione Irpef.

Il pagamento dell’acconto della cedolare secca va effettuato:

  • in due rate, se l’importo dovuto supera i 257,52 euro:– la prima rata del 40% va versata entro il 16 giugno o il 16 luglio (con la maggiorazione dello 0,40%);

    – la seconda rata del rimanente 60% va pagata entro il 30 novembre;

  • In un’unica soluzione entro il 30 novembre, se l’importo è inferiore a 257,52 euro;

L’acconto non è dovuto se l’anno di prima applicazione della cedolare secca è lo stesso del primo anno di possesso dell’immobile, visto che il relativo reddito corrispondente al precedente periodo di imposta non è stato assoggettato ad imposta. A meno che non si paghi tramite Modello 730/2015, l’acconto di giugno può essere rateizzato fino ad un massimo di sette rate (in questo caso la settima si va a sommare a novembre con il saldo).

Anche per quanto riguarda le scadenze del saldo si applicano le stesse regole previste per l’Irpef: il versamento va quindi eseguito entro il 16 giugno dell’anno successivo a quello di riferimento, oppure entro il 16 luglio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse.

Ecco invece i codici tributo per il versamento con Modello F24:

  • 1840 per la prima rata dell’acconto;

  • 1841 per la seconda rata dell’acconto o per il pagamento dell’imposta in un’unica soluzione;

  • 1842 per il pagamento del saldo;

  • 1992 per il versamento a luglio (con maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi);

  • 8913 per eventuali sanzioni;

  • 1668per indicare separatamente gli interessi si opta per la rateizzazione della prima rata di acconto e del saldo relativo all’anno precedente (sull’esempio dell’Irpef).