Autotrasporto, ecco le agevolazioni fiscali per il 2010

di Redazione Commenta

Grazie ai nuovi finanziamenti che sono stati stabiliti dalla Legge Finanziaria per il 2010, si può dire con certezza che chi svolge un’attività di autotrasporto dorme sonni tranquilli; anzitutto, c’è da dire che gli importi che erano stati stanziati nel corso del 2009 sono stati confermati in blocco, inoltre la posizione fiscale di questi contribuenti diventa ancora più “leggera” in questo senso. In effetti, prendendo come riferimento normativo il testo già citato (si tratta, come è noto, della legge 191 del 2009), tali soggetti potranno beneficiare dello stesso quantitativo di denaro di un anno fa, in modo da avere accesso agli sconti messi a disposizione dalla nostra amministrazione finanziaria. Come funzionerà precisamente tale agevolazione?

 

Tutte quelle imprese che sono attive nel campo degli autotrasporti di merci, sia per conto proprio che per conto di soggetti terzi, avranno la possibilità di portate a compensazione il contributo in questione al Sistema Sanitario Nazionale relativo ai premi Rc auto; volendo essere più precisi, occorre sottolineare che il modello da utilizzare in questo caso è il consueto F24 e che l’importo massimo da erogare è pari a 300 euro per ogni veicolo che si occupa di tali servizi. Inoltre, i premi assicurativi si devono riferire ai danni che sono stati provocati dalla circolazione dei mezzi intenti a trasportare merci, escludendo comunque quelli al di sotto delle 11,5 tonnellate di peso al momento del carico.

 

Quali altri vantaggi potranno conseguire i contribuenti coinvolti? Nell’ipotesi in cui i trasporti di merci siano stati portati a compimento in maniera del tutto personale e al di fuori del territorio del comune in cui c’è la sede dell’impresa, si potrà usufruire della deduzione forfetaria delle spese che non sono state documentate per quel che concerne il periodo d’imposta dello scorso anno. In quest’ultimo caso, ci troviamo di fronte a una somma di 56 euro per i trasporti regionali e di 92 euro oltre tali confini.