Assistenza fiscale: l’F24 potrà ora contare su otto nuovi codici tributo

di Redazione Commenta

La risoluzione 190/E pubblicata ieri dall’Agenzia delle Entrate è intervenuta per spiegare alcune novità relative alla detassazione degli straordinari e ai versamenti in forma rateizzata nell’ambito dell’assistenza fiscale: in proposito, sono stati resi operativi otto nuovi codici tributo, da utilizzare, per la precisione, per l’imposta sostitutiva sui compensi accessori e per gli interessi sui pagamenti effettuati appunto in maniera dilazionata. Cinque di questi nuovi codici si riferiscono proprio a questa imposta sostitutiva, mentre i restanti tre riguardano gli interessi da saldare e le relative addizionali. È stato il decreto legge 93 del 2008 (“Disposizioni urgenti per salvaguardare il potere di acquisto delle famiglie”) a prevedere un’imposta sostitutiva dell’Irpef, con un’aliquota pari al 10%, sulle somme pagate dai datori di lavoro del settore privato ai propri dipendenti, soprattutto per i premi di produttività. Si tratta di importi da sottoporre a tassazione ordinaria: il soggetto che provvede a prestare l’assistenza fiscale in questione deve poi determinare nuovamente l’imposta dovuta, tramite l’applicazione di questa imposta sostitutiva.

 


Ed è proprio a questo punto che si introducono i codici tributo sopracitati e i loro relativi versamenti. Vediamo nel dettaglio di quali codici si tratta e i loro riferimenti fiscali. Anzitutto, vi è il codice 1057, “imposta sostitutiva dell’Irpef e addizionali”; il codice 1606 si riferisce invece all’imposta sostitutiva per quei compensi maturati in Sicilia e versati fuori regione; il codice 1907 riguarda i compensi maturati in Sardegna; seguono poi i codici 1908 (compensi accessori da lavoro dipendente maturati in Valle d’Aosta e versati sempre fuori regione) e 1307 (compensi per reddito da lavoro dipendente e imposta versata in Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta).

 

Detto di questi codici, che sono relativi all’assistenza fiscale, per quel che riguarda, infine, i codici che si riferiscono agli interessi per il pagamento frazionato, si tratta del 1630 (Irpef), il codice 3790 (interessi sull’addizionale regionale) e il codice 3795 (interessi sull’addizionale comunale).