Universitari e canone di locazione: come calcolare i cento chilometri

di Redazione Commenta

Gli studenti universitari fuori sede hanno la possibilità di beneficiare di una importante detrazione fiscale per quel che riguarda i canoni di locazione da loro sostenuti: l’opportunità in questione è espressamente prevista dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi (Tuir, il celebre Dpr 917 del 1986 per la precisione), più precisamente dal primo comma, lettera i-sexies dell’articolo 15, vale a dire proprio quello dedicato alle detrazioni per oneri. Vi sono dei requisiti da rispettare in tal senso, vale a dire l’ubicazione dell’ateneo in cui si studia in un comune che sia distante da quello di residenza almeno cento chilometri.

In aggiunta, questo stesso comune deve appartenere in ogni caso a una provincia che sia diversa da quella a cui fa riferimento l’università. Come si calcolano esattamente i cento chilometri da questo punto di vista? Bisogna comprendere con precisione qual è il punto di riferimento su cui si basa la nostra amministrazione finanziaria. Il requisito in questione viene verificato guardando alla distanza in chilometri che viene considerata più breve tra la residenza e il comune dell’ateneo stesso (vedi anche Detrazione canone di locazione dal 730). Volendo essere ancora più precisi, l’Agenzia delle Entrate presta attenzione a tutte le vie di comunicazioni che possono essere sfruttate, senza alcuna distinzione tra la distanza stradale e quella ferroviaria (il percorso col treno dunque).

Di conseguenza, la detrazione relativa al canone diventa possibile nel momento in cui uno di questi collegamenti risulta essere pari o superiore ai cento chilometri citati in precedenza. In questo viene in soccorso anche un documento di qualche anno fa delle Entrate. Si tratta, nello specifico, della circolare numero 34 del 2008: esattamente un lustro fa, infatti, il Fisco ha risposto ad alcuni quesiti per quel che riguarda la compilazione del 730, chiarendo diversi aspetti relativi ai soggetti più giovani, come appunto gli studenti universitari del caso in questione.