Tasse universitarie: a L’Aquila c’è l’esenzione

di giannip 1

A L’Aquila, al fine di rilanciare non solo l’economia, ma anche la formazione e l’attività accademica, l’Ateneo punta ad agevolare con un esonero dal pagamento delle tasse pari a ben tre anni tutti gli studenti che si iscriveranno all’Università del capoluogo abruzzese. In questo modo il Rettore dell’Ateneo, Ferdinando Di Orio, punta a rivitalizzare l’attività accademica nell’Aquila dopo il tragico terremoto del 6 aprile scorso che, oltre a causare molte vittime, tra le quali molti studenti, ha fatto fermare sia l’economia, sia le attività universitarie che rappresentano un settore vitale per lo sviluppo della Regione proprio in scia alla larga presenza di studenti fuori sede. Già tra qualche settimana, a partire da ottobre, l’Università dell’Aquila inizierà a tornare alla normalità con la riattivazione di alcuni corsi di laurea, ma servono anche nuovi fondi per costruire strutture antisismiche e funzionali; in tal senso, il CIPE, Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica. ha già provveduto a sbloccare uno stanziamento pari a 40 milioni di euro che rientra nell’ambito di fondi per quasi 90 milioni di euro che serviranno a riportare l’Ateneo alla piena funzionalità sia per quanto riguarda le attività didattiche, sia per quel che concerne la ricerca.

Intanto, il Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo, ed il Senato Accademico dell’Università dell’Aquila, hanno provveduto rispettivamente a deliberare le modalità per mezzo delle quali gli studenti si potranno avvalere del beneficio dell’esenzione dal pagamento delle tasse universitarie per l’anno accademico 2009/2010. Ebbene, l’esenzione è fruibile sia da parte degli studenti che si iscrivono per la prima volta all’Università, sia per coloro che provengono da altri Atenei e/o intendono conseguire una seconda laurea.

In quest’ultimo caso, infatti, scatta l’esenzione dal pagamento delle tasse universitarie per quegli studenti che, per l’anno accademico 2009-2010, si iscrivono all’Ateneo dell’Aquila o ad un corso di laurea magistrale o triennale, sia a corsi di laurea a numero chiuso o ad accesso libero. In ogni caso, per coloro che rinnovano l’iscrizione, l’esenzione risulta essere subordinata al superamento di almeno di due esami di profitto presenti nel piano di studio dello studente, o in opzione il conseguimento di almeno otto crediti formativi universitari (CFU).

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.