Saranno soppresse (o almeno ridotte) le tasse aeroportuali?

di giannip 1

Solo alla fine dello scorso anno, entrava in vigore un nuovo regolamento dell’Unione Europea che di fatto ha reso obbligatoria per le compagnie aeree l’inclusione di tutte le componenti del prezzo finale del biglietto già dall’inizio della transazione o sulla pubblicità. Quanti di noi infatti fino allo scorso anno hanno acquistato a prezzi stracciati biglietti aerei, o meglio, credevano di acuistarli a prezzi irrisori, ma una volta conclusa la trattativa finale on line, compariva il verdetto finale con costi comprensivi di tasse e quant’altro? Dal primo gennaio del 2008 l’Antitrust ha comminato ben sei condanne con sanzioni per 47.500 euro.

Le multe riguardavano pubblicità di tariffe aeree considerate ingannevoli. Spesso appunto su riviste e giornale apparivano strepitose offerte che promettevano viaggi a prezzi molto bassi, omettendo di dichiarare tasse e supplementi aggiuntivi che ci veniva rivelato solo quando si arrivava, quasi, a scrivere il numero della carta di credito. Ora grazie alla cosiddetta trasparenza dei prezzi é piu facile comparare i prezzi tra le diverse compagnie aeree.

Inoltre la stessa Europa ha dato uno stop ai vettori, sanzionando i siti che vendevano biglietti aerei senza nessuna specificazione dei costi, anzi indicando costi iniziali irrisori che andavano crescendo mano a mano che l’acquirente proseguiva nell’acquisto on line.

Il responsabile ai trasporti della Commissione, Antonio Tajani, ha dichiarato:

Mi rallegro per questo risultato: è un primo passo importante per inserire le tasse aeroportuali all’interno del diritto comunitario. Le tariffe aeroportuali devono essere trasparenti e non discriminatorie, e ne potranno beneficiare i cittadini d’Europa.

Ma qual’é la situazione delle tasse aeroportuali? In realtà se siamo dei viaggiatori frequenti e soprattutto attenti potremmo notare che il biglietto degli aerei sale inverosibilmente proprio a causa delle tasse, spesso addirittura le tasse sono maggiori del prezzo del biglietto stesso.

Ma c’è qualcuno che ha pensato bene: il Governo olandese ha in programma di sopprimere la tassa sui biglietti aerei. L’Elfaa (associazione che riunisce i principali vettori low cost) ha approvato la decisone ed ha sollecitato i Governi inglese, italiano e irlandese a seguirne l’esempio. L’Italia si adeguerà?

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.