Saint Kitts and Nevis, è boom per le registrazioni di yacht

di Redazione Commenta

La giurisdizione offshore di Saint Kitts and Nevis, il piccolo stato insulare americano, ha messo in luce una registrazione davvero particolare: in effetti, il minuscolo arcipelago delle Piccole Antille può vantare un numero davvero ingente, e fin troppo sospetto, di imbarcazioni di lusso, oltre mille e di proprietà di ricchi stranieri. Il Registro Nautico Internazionale è stato molto preciso in questo senso, mostrando come yacht e scafi presentino una contabilità tutta particolare. Il tratto comune in tal senso è rappresentato dall’origine geografica degli stessi proprietari, visto che nessuno di loro è nato all’interno di Saint Kitts and Nevis e detiene un patrimonio piuttosto alto; tra l’altro, il 2010 è stato celebrato come l’anno d’oro degli yacht, a causa di questi dati così inequivocabili. Statistiche talmente evidenti che fanno riflettere a lungo: le due isole del microstato contano circa 50.000 cittadini residenti, dunque si potrebbe immaginare uno yacht ogni cinquanta abitanti, una situazione ambigua se si pensa che il debito pubblico sta attanagliando il governo di Basseterre.


Più propriamente, c’è da sottolineare come l’imposta sul reddito delle persone fisiche sia qui molto leggera, praticamente assente, un fattore che influenza il reddito medio dei cittadini; il sistema fiscale è caratterizzato invece da varie imposte indirette, destinate peraltro a confluire a breve in un unico grande tributo, un’Imposta sul Valore Aggiunto con tanto di aliquota al 17%.

Un altro elemento sorprendente dal punto di vista finanziario è rappresentato dai vantaggi di cui possono godere i proprietari degli yacht di lusso: gli assets gestiti in questo modo ammontano a ben due miliardi di dollari, una somma che appare immediatamente come troppo elevata a fronte delle finanze interne. I prossimi anni, inoltre, verranno rivoluzionati da alcune interessanti novità, come ad esempio l’utilizzo a scopo commerciale delle imbarcazioni, una innovazione che potrebbe far letteralmente lievitare il totale degli stessi yacht presenti su questa piazza offshore.