Le polemiche sull’Iresa introdotta da Lazio e Lombardia

di Simone 1

Lazio e Lombardia sono le due regioni protagoniste dell’introduzione di un tributo piuttosto particolare, vale a dire l’Iresa. Come si intuisce dalla sigla in questione, si tratta dell’Imposta Regionale sulle Emissioni Sonore degli Aeromobili, una misura fiscale che questi enti locali hanno la possibilità di applicare (vedi anche Gli aerotaxi e la base imponibile Iva). La novità in questione è stata resa nota da Federviaggio, l’associazione che rappresenta proprio il settore a cui si sta facendo riferimento, la quale non ha usato parole molto tenere per commentare.

In effetti, il numero uno dell’ente, Luca Patanè, ha parlato senza mezzi termini di un vero e proprio affondo per le compagnie del settore aereo, oltre che di un danno evidente inferto al turismo. In base alle rilevazioni di Assoaereo, inoltre, si è potuto calcolare un impatto economico pari a trentasette milioni di euro per quel che concerne l’anno attualmente in corso, i quali saliranno fino a cinquantacinque milioni nel 2014. I numeri sono presto detti. In pratica, le società del comparto aereo che sono attive negli scali di Roma (Fiumicino e Ciampino in primis) dovranno sostenere una pressione di cinque euro per ogni singolo passeggero, più precisamente in relazione al medio raggio dei viaggi.

La somma scende a più di due euro, al contrario, se si fa riferimento a quei viaggi che sono ricompresi nel breve raggio. Lo stesso discorso vale per la Lombardia, con gli scali di Linate e Malpensa a farla da padrona. I principali impatti negativi sono previsti a questo punto in relazione all’ambito occupazionale e all’economia nel suo complesso, con i viaggiatori che rappresenteranno un onere sempre più pesante. L’Iresa dovrebbe essere in realtà una tassa di scopo, ma le conformazioni attuali fanno pensare in maniera assolutamente diversa. La speranza di Federviaggio è che non si tratti di una nuova tassazione occulta, dato che il nostro paese è fin troppo caratterizzato da situazioni simili.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.