Immobili: le conseguenze fiscali del prezzo-valore

di Redazione Commenta

Dal 2006 è stato introdotto il concetto di “prezzo- valore”: in pratica, si possono regolare dal punto di vista fiscale determinati trasferimenti di immobili al valore catastale, senza che vi siano distinzioni per quel che concerne il corrispettivo che è stato stabilito e indicato nell’atto. La norma ha subito voluto essere un vantaggio per cittadini e consumatori, cercando di rendere il più trasparente possibile la contrattazione immobiliare e maggiormente equo il prelievo delle tasse.

La cosiddetta “valutazione automatica” è il meccanismo che viene incontro da questo punto di vista. Ma quali sono esattamente le conseguenze tributarie del prezzo-valore? Nello specifico, si può cominciare a parlare della detrazione dell’irpef, la quale spetta al soggetto acquirente per tutti gli interventi di recupero edilizio che sono posti in essere dal venditore: questa stessa detrazione viene appunto determinata in proporzione al prezzo dell’unità immobiliare che è stato dichiarato nell’atto di vendita. In aggiunta, se il soggetto acquirente ha deciso di avvalersi di tali regole, allora non possono essere applicate le norme relative all’accertamento induttivo. Questo vuol dire che per ottenere il reddito da tassare non serve la spesa effettuata al momento dell’acquisto, con gli stessi accertamenti che possono essere evitati.

Per quel che concerne, poi, gli atti che vanno al di là delle condizioni previste dal sistema in questione, se le parti non hanno dichiarato nel contratto il prezzo reale, allora si applica una sanzione che è compresa tra il 200 e il 400% della maggiore imposta dovuta. Può anche accadere che l’immobile acquistato sia rivenduto in una fase successiva: se si ha che fare con uno scenario del genere e si dichiara un prezzo che è inferiore rispetto a quello reale, la tassazione della plusvalenza sarà tanto maggiore quanto più basso è stato il prezzo dichiarato all’acquisto. Infine, anche il venditore può subire le conseguenze fiscali negative che si riferiscono alla simulazione del prezzo.