I requisiti per richiedere la carta acquisti sono troppo restrittivi

di Sofia Martini Commenta

Per lo Stato italiano chi ha un reddito che supera i 3 mila euro all’anno non può essere definito povero. Non ha diritto a un aiuto. La  social card, alla fine dello scorso anno avrebbe dovuto dare un piccolo contributo mensile a 50 mila persone – come indicato dal governo – ma invece non ne interesserà più di 11 mila, ma non ha versato un euro quasi a nessuno, anche se i soldi sono disponibili da un anno.

>  La cedolare secca si potrà applicare anche alla casa vacanze

Nel  gennaio 2013 l’allora ministro Fornero rivide la vecchia social card introdotta dai governi Berlusconi testandola nelle 12 città con più di 250 mila abitanti. L’intento è  di erogare da 231 a 404 euro al mese, a seconda delle circostanze, per un anno. In estate il governo Letta avvia i procedimenti. I comuni pubblicano i bandi per raccogliere le domande.

Le pecche dichiarate del Redditometro, le spese non considerate

Di richieste ne giungono meno del previsto, ma le città uniscono le graduatorie e le inviano all’Inps. Il governo ha promesso di erogare i primi soldi a dicembre. Ma  l’Inps risponde a marzo. A Torino sono accolte 350 domande su 4900, a Napoli 880 su 2.800, a Bari 321 su 1.100, a Milano 600 su 1500, a Firenze 66 su 500. I poveri non sono abbastanza poveri per l’Inps, che ha messo paletti così inflessibili da far diventare la social card un “vantaggio” per pochi, per chi ha un reddito Isee inferiore a 3 mila euro, figli a carico, una casa con rendita bassissima, non aver acquistato un’auto o una moto nell’ultimo anno e mille altri requisiti.