Esodati ottengono la pensione

di giannip 2

Importanti novità per gli esodati almeno per i primi 65 mila. Infatti entro febbraio saranno spedite le lettere di ammissione alla pensione.  Per gli altri 55 mila, la procedura di accesso alla pensione sta vedendo la luce dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto esodati bis. Gli esodati sono lavoratori oltre i 50 anni, “espulsi” dal mercato dal lavoro e non ancora ammessi alla pensione a causa di un innalzamento dell’età o dei requisiti per accedere al trattamento pensionistico.

Intanto una buona notizia è giunta per i primi 65 mila esodati: il ministro del lavoro e delle politiche sociali, Elsa Fornero ha reso noto che all’inizio del mese di febbraio verranno spedite le prime lettere di ammissione alla pensione, mettendo così la parola fine alla procedura avviata la scorsa estate. Mauro Nori, direttore generale dell’Inps, ha dichiarato che “la decorrenza dipende dai singoli casi ma si tratta di ufficiali certificazioni del diritto”

Passando invece agli altri 55 mila esodati, le aziende hanno tempo fino al 20 febbraio per inviare al ministero del Lavoro l’elenco dei lavoratori licenziati entro il 31 dicembre 2012, indicando per ognuno di essi la data di fine rapporto lavorativo. Poi entro il 31 marzo di ogni anno successivo al 2012 un elenco dei lavoratori che saranno licenziati nell’anno di riferimento secondo quanto previsto dall’accordo. Altra data fondamentale è il 21 maggio 2013, giorno entro il quale i lavoratori che hanno sottoscritto accordi individuali o collettivi all’esodo devono presentare la domanda di accesso alla pensione.

Infine, una piccola polemica tra l’Inps e il Governo: secondo l’Istituto, ci sarebbero altri 150 mila esodati; secca la risposta del ministro Fornero “È una fonte Inps, dovete chiedere all’Inps visto che ci sono conti dei quali il ministro ancora una volta non viene informato”.

Commenti (2)

I commenti sono disabilitati.