Differenza tra tasse e imposte

di Simone 1

 Il linguaggio di tutti i giorni tende a confondere due concetti fiscali che in realtà vanno analizzati in maniera separata: in effetti, capita di parlare in maniera del tutto indifferente di tasse e imposte, quasi fossero la stessa cosa, ma le differenze esistono eccome (vedi anche Differenza tra tasse e tributi). In parole povere, le imposte sono degli importi in denaro che il contribuente deve pagare a seconda delle sue capacità contributive, dunque sono utili per la collettività. Le tasse, al contrario, rappresentano i corrispettivi che il cittadino riconosce allo Stato per il servizio che gli viene offerto.

Serve però anche una spiegazione ulteriore. La tassa non è altro che il tributo che si ricollega a una prestazione garantita dallo Stato; dunque, il presupposto è rappresentato dalla richiesta della prestazione di cui si sta parlando. Gli esempi classici possono essere quelli delle tasse destinate agli istituti scolastici, le tasse di concessione governativa, quelle per l’occupazione del suolo pubblico (Tosap). La somma di denaro deve essere versata in corrispondenza del servizio che si riceve. La differenza principale consiste proprio nel presupposto, del tutto assente nelle imposte. Inoltre, queste ultime non sono collegate in maniera diretta a un servizio che viene corrisposto dalla pubblica amministrazione.

Il contribuente coinvolto tende a subire le imposte in modo completamente passivo, non perché si ha a che fare con un servizio pubblico, ma perché c’è una situazione patrimoniale di tipo personale. Qualche esempio? L’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (Irpef) è la tipica imposta che ogni cittadino ha il dovere di pagare solamente perché e nella misura in cui ottiene il suo reddito. Lo stesso discorso vale per l’Imu (Imposta Municipale Unica), la quale ha rimpiazzato l’Ici e che è necessario versare soltanto quando si è titolari di un diritto reale su un determinato immobile. Lo Stato non è vincolato a usare questo denaro per un fine specifico, ma per le spese pubbliche.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.