La Cassazione interviene sulle esenzioni della Tosap

di Simone 1

A fine ottobre è scaduta la quarta rata della Tosap, ma la Tassa sull’Occupazione degli Spazi e delle Aree Pubbliche fa ancora parlare di sé: in effetti, come ha stabilito la Corte di Cassazione in una sua recente sentenza, quando si va a utilizzare un’area comunale come parcheggio di un circolo ministeriale, con tanto di pagamento dei soci tramite un apposito ticket, allora non è possibile usufruire dell’esenzione fiscale da questa imposta. Basta infatti leggere l’articolo 49 del Decreto legislativo 507 del 1993 (“Revisione ed armonizzazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle province”) per accorgersi di quali sono le ipotesi concrete relative all’agevolazione.

La Tosap non è dovuta nel momento in cui si realizza una specifica finalità di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e anche ricerca scientifica. Si può parlare di un orientamento simile a quello che la stessa Suprema Corte ha scelto circa tre anni fa, quando la Cassazione vietò la Tosap per la pensilina alla fermata del bus. L’occupazione presa in esame in questo caso è molto particolare, in quanto manca di tutte le condizioni per il riconoscimento del beneficio fiscale che devono presentare stato, regioni, province e comuni.

Il parcheggio di un circolo ricreativo non persegue nessuna delle finalità che sono state elencate in precedenza, senza dimenticare che l’accesso e la sosta nel luogo in questione prevedono un pagamento aggiuntivo rispetto alla normale quota societaria. La Tosap ha avuto una storia piuttosto particolare verso la fine degli anni Novanta: in pratica, nel 1997 un apposito testo normativo ha di fatto abolito il tributo a decorrere dal 1° gennaio del 1999, ma con la legge 448 del 1998 (“Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo”) è stata abrogata tale disposizione, ripristinando in maniera concreta la tassa.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.