Expo’: acquisti di beni e servizi non imponibili Iva oltre i 300 euro

di Sofia Martini Commenta

La risoluzione 10/E del 15 gennaio 2014 dell’Agenzia delle Entrate spiega che non verranno assogettati a Iva gli acquisti di beni e servizi e le importazioni di beni di importo superiore ai 300 euro, riguardanti le attività ufficiali da parte dei Commissariati generali di sezione.Parlamento UE: Si discute sulla Tobin Tax per tutti gli stati membri
È quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate a riguardo dell’accordo redatto dall’Italia con il Bureau International des Expositions, ratificato con legge n. 3/2013. Con questa norma, infatti, è stata posta, un’agevolazione in materia di Iva in merito agli acquisti di beni e servizi e alle importazioni di importo considerevole, concernenti le attività ufficiali da parte dei rappresentanti dei paesi partecipanti (articolo 10, comma 5).

La classificazione doganale delle cartucce per fotocopiatrici

Il documento ha determinato il limite in trecento euro (articolo 72, comma 2, Dpr 633/1972) e ha corredato uno schema di modello, che dovrà essere utilizzato dai Commissariati generali per richiedere l’applicazione dell’agevolazione, consegnando ai fornitori la dichiarazione scritta, con la specifica dello scopo dell’acquisto e il riferimento alla norma che ordina l’agevolazione.
Con questa dichiarazione, da emettere in duplice copia (una da consegnare al fornitore, l’altra conservata dal Commissariato), i partecipanti all’evento, sotto la propria responsabilità, realizzano acquisti di beni e servizi, particolareggiatamente identificati, per finalità collegate alla partecipazione a Expo’ 2015.

Per le operazioni fatte prima della pubblicazione della risoluzione, se a queste fosse stata erroneamente applicata l’Iva, per concedere il recupero, i fornitori potranno procedere, entro un anno dall’effettuazione dell’operazione, a una variazione in diminuzione, emettendo una nota di credito a favore dell’acquirente (articolo 26, commi 2 e 3, Dpr 633/1972).